Periodico di informazione delle Forze Armate, Forze di Polizia e Pubblico Impiego

  

Archivio Mensile delle news

Si è discusso tra l'altro del problema relativo  il transito nei ruoli civili -  nell'ultimo anno (circa 250 unità) - del personale militare non ritenuto più idoneo a svolgere le mansioni attribuite, sul quale il Sottosegretario  ha comunicato alle OO.SS. di aver più volte sollecitato, da ultimo anche con una nota prodotta lo scorso 27 ottobre, il Dipartimento di Funzione Pubblica alla definizione della relativa tabella di equiparazione che nei contenuti sarà comunque quello a suo tempo concordato con Fp Cgil - Cisl e Uil.

Compendio sulle disposizioni in materia di cessazioni dal servizio permanente a domanda, per raggiunti limiti d’età e a domanda dall’aspettativa per riduzione di quadri e conseguente collocamento nelle categorie del congedo del personale militare.

Con la sentenza n. 244 del 28 ottobre 2014 la Corte Costituzionale si è pronunciata sulla legittimità dell’art. 1, commi 98 e 99, della legge 24 dicembre 2012, n. 228 (Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato – Legge di stabilità 2013) in merito alla trattenuta per opera di previdenza del 2,50% sul TFS dei dipendenti pubblici e alla lamentata disparità di trattamento tra quelli assunti prima del 2001 (per i quali è stato ripristinato il TFS) e quelli assunti dopo il 2001.

 
Determinazione del numero massimo e delle modalita' di utilizzo delle autovetture di servizio con autista adibite al trasporto di  persone. Il  numero,  per  le  amministrazioni centrali dello Stato  di  cui  all'art.  2,  comma  1,  e  disciplina l'utilizzo, da parte delle amministrazioni pubbliche   delle  autovetture  di  servizio  con  autista  per  il trasporto di persone. Il presente decreto non si applica alle  autovetture  utilizzate dal Corpo nazionale dei  vigili  deL fuoco o per i servizi istituzionali di  tutela  dell'ordine  e  della sicurezza pubblica,  

Nella sezione  “Amministrazione trasparente” del sito istituzionale Difesa.it la lista delle spese per forniture, spese di rappresentanza.

Cantone ha insistito sulla necessità di attuare le norme relative alle denunce della corruzione per via elettronica attraverso il whistleblowing, strumento peraltro previsto dal codice unico degli impiegati pubblici (articolo 54). Cantone ha annunciato l'avvio presso l'Anac di un indirizzo mail criptato per consentire di denunciare eventuali reati firmandosi, ma garantendo la tutela “dell'informatore”. «Non è un invito alla collaborazione o alla delazione - ha detto Cantone - ma alla responsabilità».

Con l’avvio formale del primo turno d’asta riservato agli alloggi che risultano liberi, compresi tra quelli il cui elenco era già stato pubblicato a suo tempo il 23 marzo 2011 sulla Gazzetta Ufficiale n.70 come non più utili alle esigenze della Difesa, inizia l’iter inedito e molto complicato, previsto dal Decreto dell’allora Ministro La Russa del 18 maggio 2010 poi incardinato all’interno del D.P.R. n. 90 del 15 marzo 2010 e successive modificazioni. Tale incombenza riguardante l’avvio della procedura, viene adempiuta da una comunicazione dello STATO MAGGIORE DIFESA con il foglio del 3 dicembre 2014 e relativi annessi A, B e C, che si riportano in allegato. 

Mercoledì 17, alle ore 8,30, le Commissioni Esteri e Difesa di Senato e Camera si riuniranno a Montecitorio per ascoltare le comunicazioni del Governo sulla partecipazione dell'Italia ad ulteriori missioni militari in Afghanistan.
Giovedì 18 dicembre sarà discussa in Commissione Difesa alla camera l'interrogazione dell'On. Rizzo relativa agli effetti del blocco contrattuale delle retribuzioni del personale delle Forze armate, delle Forze di polizia e del Corpo nazionale dei vigili del fuoco.
Venerdì, 12 dicembre, il Sottosegretario Domenico Rossi ha fornito chiarimenti in merito all'invio di un contingente di militari italiani in Iraq, con particolare riferimento alle modalità per garantire l'immunità dalla giurisdizione locale delle truppe italiane nel corso della missione.

I pensionati che speravano in una rivalutazione consistente dell’assegno nel 2015 resteranno delusi. Il decreto del ministero dell’Economia del 20 novembre 2014, pubblicato in “Gazzetta ufficiale” il 2 dicembre scorso ha stabilito che il valore provvisorio di rivalutazione delle pensioni per l’anno prossimo è dello 0,3 per cento. Inoltre quello definitivo per il 2014 è risultato dell’1,1% anziché dell’1,2% provvisorio applicato finora, quindi a inizio 2015 i pensionati dovranno anche rimborsare parte della pensione incassata. La frenata dell’inflazione riscontrata nel corso di quest’anno, così come calcolata dall’Istat, determina un contenimento della rivalutazione degli assegni previdenziali. 

Assistenza al paziente onco-ematologico, attività di emodialisi, cooperazione per l’implementazione dei servizi sanitari da erogare all’utenza e il servizio di trasporto infermi in elezione. Sono i 4 punti cardine del protocollo di intesa tra l’Azienda Ospedaliera del San Giovanni e il Policlinico Militare Celio siglato  a Roma. L’intesa si divide in quattro punti: il policlinico militare, con ufficiali medici specialisti e sottoufficiali infermieri, concorrerà al funzionamento del polo oncoematologico dell’ospedale Addolorata; il San Giovanni sosterrà lo start up del servizio di emodinamica del Celio, con lo scopo di abbattere le liste di attesa della Regione; il policlinico militare metterà a disposizione posti letto per eventuali urgenti esigenze del San Giovanni; saranno realizzati equipaggi misti (militari e civili) su ambulanze militari per le esigenze di trasporto di entrambi gli ospedali.

Il colpo di spugna alle penalizzazioni per le pensioni anticipate (che si consegue con 41-42 anni di contributi ) verrà limitata a coloro che maturano assegni inferiori a circa 3500 euro lordi mensili (circa 2400 netti) . E sempre per chi percepisce una pensione sopra questa soglia, pari a sette volte il minimo, torna il divieto di cumulo con altri redditi da lavoro. Sono queste le novità previdenziali che il Gruppo Pd del Senato ha presentato, insieme con altre modifiche, alla legge di Stabilità.

“Nel 2014 l’Italia ha speso 37,1 milioni di euro per noleggiare vettori aerei per il trasporto di uomini (circa 5 mila 600 militari sono impegnati in 22 Paesi) e merci nelle missioni internazionali. I mezzi a disposizioni del ministro della Difesa sono limitati, ha spiegato Roberta Pinottirispondendo d un’interrogazione, e perciò si è reso necessario mettere a bando con procedura Consip il noleggio di vettori privati.

Vari concorsi per il reclutamento di 2.165 VFP 4 nelle forze armate, di 3 Sottotenenti in servizio permanente nel ruolo speciale del Corpo Sanitario dell'Esercito e di 22 (ventidue) Tenenti di Vascello in servizio permanente del ruolo speciale dei Corpi della Marina Militare.

Pagine