Periodico di informazione delle Forze Armate, Forze di Polizia e Pubblico Impiego

  
www.prestiamo.it/militari/

 

E' stata depositata oggi la sentenza con la quale la Consulta dichiara l’illegittimità costituzionale dell’art. 1475, comma 2, del decreto legislativo 15 marzo 2010, n. 66 (Codice dell’ordinamento militare), laddove  prevede che «I militari non possono costituire associazioni professionali a carattere sindacale o aderire ad altre associazioni sindacali» invece di prevedere che «I militari possono costituire associazioni professionali a carattere sindacale alle condizioni e con i limiti fissati dalla legge; non possono aderire ad altre associazioni sindacali».

Determinazione della percentuale di rimborso delle spese sostenute per le rette di asilo nido nell’anno educativo 2016/2017. Istruzioni tecniche

Per i pensionati pubblici e privati solo incarichi annuali e gratuiti. I dettagli contenuti della deliberazione n.180/2018 della sezone della Corte dei Conti Lombarda

Secondo la Corte Costituzionale, sentenza 120/2018, la facoltà di introdurre restrizioni all’esercizio dei diritti sindacali dei militari, non può spingersi fino a negare in radice il diritto di costituire associazioni a carattere sindacale. Pertanto l’art. 1475 del codice dell’ordinamento militare viene riscritto nel seguente modo: «I militari possono costituire associazioni professionali a carattere sindacale alle condizioni e con i limiti fissati dalla legge; non possono aderire ad altre associazioni sindacali».

E’ stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 9 giugno 2018 il decreto interministeriale Lavoro - Economia del 15 maggio che definisce i nuovi coefficienti di trasformazione da applicare alla parte contributiva degli assegni pensionistici del 2019 e nel 2020.
Si tratta dei coefficienti che moltiplicano il montante previdenziale e che aumentano con l’aumentare dell’età. Per chi va in pensione prima sono leggermente piu bassi. Il calcolo si applica alla parte contributiva della pensione a partire dal 2012 per chi aveva già versato almeno 18 anni di contributi alla fine del 1995, mentre per gli altri dal 1996 in poi.

Si auspica una maggiore trasparenza nelle procedure di trasferimento degli Ufficiali e più attenzione per i diritti soggettivi degli altri militari. E’ inconcepibile che  un agente, per avere la possibilità di assistere un familiare malato, debba affrontare costosi ed estenuanti contenziosi dall’esito incerto.

Di Federico Capurso - I generali sono spaventati. Il loro passo è grave e rimbomba di preoccupazione negli ampi corridoi del ministero della Difesa. L'arrivo del ministro Elisabetta Trenta, in quota Cinque stelle, ha portato con sé le voci insistenti di un cambio di prospettiva che toccherebbe capitoli sensibili come quelli delle missioni all'estero, dei fondi destinati alle forze armate, della stessa missione strategica del ministero. Una volontà nuova che - questo è il timore - potrebbe portare a uno smantellamento dall'interno, uno svuotamento che trasformerebbe via XX Settembre in una centrale sindacale dell'Esercito.

Per il neo Ministro della Difesa, "Oltre ai doveri che sono importanti, ci debbono essere i diritti. Sentiamo parlare spesso di Difesa europea, ma se apriamo un confronto tra i diritti dei nostri militari e i militari degl altri paese UE scopriamo una voragine. I diritti dei militari irtaliani non sono  ancora tutelati a dovere, mentre nel resto d'Europa si contato associazioni e sindacati.

L' esercizio di un diritto costituzionale, come quello politico, all’interno dell’ordinamento militare, subisce, quasi sistematicamente, una compressione, legittima o non legittima che possa essere, a secondo dei tempi e dei contesti, diritto, purtroppo, in ogni caso lasciato, nella moltitudine degli eventi, all’arbitrio soggettivo di colui che è destinato a controllarne l’esercizio e l’applicazione.

Da UNIFIL a Palazzo Baracchini. Esperta analista sui temi della difesa e della sicurezza, esperienze in teatri caldi come l’Iraq, il Libano e la Libia, Elisabetta Trenta e’ la nuova Ministro della Difesa del governo Conte.

Cessazione anticipata dal servizio, a domanda, e collocamento in ausiliaria per il 2018 degli Ufficiali e dei Marescialli (e gradi corrispondenti) dell’Esercito, della Marina Militare e dell’Aeronautica Militare

A 88 giorni dal voto del 4 marzo - dopo la crisi più lunga e difficile della storia repubblicana - è stata raggiunta l'intesa per la nascita del governo M5S-Lega. 

Con la circolare INPS 23 maggio 2018, n.72 l’Istituto fornisce chiarimenti in merito all’interpretazione e applicazione della legge 23 dicembre 1999, n. 488, per il riconoscimento della contribuzione figurativa ai lavoratori dipendenti dei settori pubblico e privato, eletti membri del Parlamento nazionale, del Parlamento europeo o di Assemblea regionale e nominati a ricoprire funzioni pubbliche.

 

Lunedì 28 maggio è la data di esigibilità per l'accreditamento degli arretrati derivanti dagli incrementi previsti dal nuovo Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro (C.C.N.L.) del comparto Istruzione e Ricerca e dai provvedimenti di concertazione e dagli accordi sindacali del comparto Difesa e Sicurezza per il periodo da gennaio 2016 a maggio 2018.

 

Si ricorda che l'effettiva disponibilità delle somme sui conti correnti può avvenire nell'arco dell'intera giornata, in relazione alle diverse modalità operative degli istituti bancari.

di Giuseppe Pesciaioli - """Questo è il tempo per decidere se farci traghettare dall’altra parte della sponda da un trafficante di vite, oppure da un’organizzazione seria che ci dia le basi e le capacità di poter e saper rappresentare.

Pagine