Periodico di informazione delle Forze Armate, Forze di Polizia e Pubblico Impiego

  

 

Archivio Mensile delle news

La Legge di Stabilità 2016 rende retroattiva l’abolizione del taglio previsto dalla Riforma Fornero sulla pensione anticipata, riconoscendo il trattamento pieno anche ai lavoratori che ritiratisi prima dal lavoro nel periodo 2012-2014. Il Dl 201/2011 imponeva infatti a chi, non aveendo ancora 62 anni e che sceglieva il prepensionamento con un minimo di requisito contributivo (uomini 42 anni e 6 mesi; donne 41 anni e 6 mesi), una decurtazione sulla quota retributiva dell’assegno, proporzionale ad ogni anno di anticipo rispetto ai requisiti pieni per la pensione.

Continua il confronto tra la delegazione Aran e tutte le considerazioni sindacali della p.a., autonome e non, su due temi fondamentali:  il numero e la tipologia dei comparti della p.a.  e l’osservazione di risultati/dati della rappresentatività sindacale. Al tavolo partecipano tutti...tranne le rappresentanze dei militari....

"Siamo in presenza di una legge di stabilita' non all' altezza di affrontare il tema della sicurezza del Paese. Prendiamo anche atto che il necessario riordino delle forze di Polizia non avverra' in tempi rapidi e che siamo in presenza dell' ennesimo rinvio della questione, ormai da troppi anni attesa, che avrebbe conferito maggior professionalita' ed efficienza all' attuale modello di sicurezza del Paese". Lo dice il segretario del Silp Cgil Daniele Tissone. 
"Su questo punto- prosegue Tissone-, e' necessario riaprire, al piu' presto, una seria e vera discussione di merito. Sul bonus da 80€ - continua Tissone - ribadiamo le nostre critiche al bonus fiscale poiche' temporaneo per un solo anno, ma soprattutto per la mancanza di riflessi previdenziali  e assistenziali, in pratica una vera e propria mancia elargita senza confronto dal governo che evita il coinvolgimento delle organizzazioni sindacali violando la legge alla luce di un contratto scaduto da ormai sei anni.

Per tutti i pagamenti della pubblica amministrazione, in primis le pensioni, resta il tetto dei 1.000 euro, così come chiesto dal presidente dell’Inps Tito Boeri. Per le altre operazioni rimane la soglia fissata dal Senato, ossia 3.000 euro. E’ uno dei ritocchi alla legge di stabilità.

Mentre il governo vuole alzare il tetto per l’utilizzo del contante a 3.000 euro, per ipensionati suonerà un’altra musica.

Passo in avanti per la trattativa tra l'Aran e i sindacati sulla riorganizzazione dei comparti del pubblico impiego. L'Agenzia per la contrattazione nel pubblico impiego - secondo quanto ha spiegato la segretaria generale della Fp-Cgil Rossana Dettori - ha aperto sulla possibilità di ridurre gli attuali 11 comparti a quattro (all'inizio del confronto il Governo puntava a un'ulteriore riduzione a tre), fatto considerato ''positivo'' dai sindacati. Da gennaio la trattativa dovrebbe farsi serrata per chiudere un'intesa entro la fine del mese.

 

I comparti (e quindi i contratti) dovrebbero essere la sanità, gli enti locali, le amministrazioni centrali e la scuola.

Si sono finalmente riuniti, dopo 2 sedute senza numero legale, i membri della Commissione parlamentare d'inchiesta sull'uranio impoverito e vaccini per eleggere l'ufficio di Presidenza e dare inizio ai lavori.

Nell'ufficio di Presidenza fanno parte oltre  al Presidente On. Gianpiero Scanu, i vice Presidenti On. Donatella Duranti e On. Ivan Catalano, i segretari On. Gianluca Rizzo e On. Paola Boldrini.

Il 24 luglio scorso, la Cassa di Previdenza delle Forze Armate ha firmato una convenzione proprio con Banca Marche spa per affidarle la gestione dei propri conti correnti. Rinnovando la propria fiducia all'istituto, già da anni in amministrazione straordinaria, pochi mesi prima che quest'ultimo venisse salvato per i capelli dall'esecutivo.

 

Stamani presso la sala Diaz del Ministero della Difesa, il Ministro Sen. Roberta Pinotti unitamente al vertice militare ha incontrato il Cocer Interforze.

Non è stato il consueto appuntamento di auguri per le festività natalizie ma un vero e proprio incontro sulle tematiche più importanti del personale tra il vertice politico-militare e la rappresentanza militare.

Il rush finale per quanto riguarda gli emendamenti alla legge di stabilità 2016 sulla questione delle pensioni vede  un emendamento predisposto dal governo  con cui si prevede che  a partire dal 1° gennaio non ci sia il conguaglio dovuto all’indicizzazione delle pensioni superiore all'inflazione reale; il secondo riguarda l’anticipo della cosiddetta no tax area al 2016, proposta sempre tramite emendamento da parte dell’esecutivo. 

Si attende quell'accelerazione che non arriva sul fronte del rinnovo dei contratti nell'ambito della riforma della pubblica amministrazione. L'esecutivo darà seguito alla sentenza dell'Alta Corte che impone di sbloccare una situazione che di fatto è congelata da sei anni, ma il punto è che Palazzo Chigi non intende andare oltre allo stanziamento di 300 milioni di euro che tradotto in termine pratici, equivalgono a circa 10 euro lordi di media in busta paga. Secondo l'esecutivo, la bassa inflazione e l'esistenza da un anno e mezzo di un bonus di 80 euro per i lavoratori dipendenti e assimilati rappresentano la migliore compensazione rispetto a questo rallentamento.

 La rivoluzione del pagamento del canone Rai porta con sé una serie di dubbi e interrogativi per i cittadini. 

La previsione di cui alla legge di stabilità secondo la quale sembra proprio che debba dirsi addio al vecchio bollettino, rende più difficile l'evasione e, per tutti coloro che hanno sempre illegittimamente evitato questa tassa, non sarà agevole trovare vie di fuga. Inserire la voce relativa al canone Rai all'interno della bolletta della luce rende davvero complicato "dimenticare" tale pagamento. Tuttavia, non sempre bolletta della luce vuol dire canone.

C'è, infatti, una serie di ipotesi in cui quest'ultimo non è dovuto.

Sindacati di polizia pronti alla  protesta se non si modifica l' emendamento alla Legge di  stabilità che stanzia gli 80 euro alle forze dell' ordine e non  si inseriscono risorse per il riordino delle carriere. Lo dicono  Siulp, Siap-Anfp, Silp Cgil, Ugl polizia e Uil polizia. 

Via libera delle commissione Bilancio della Camera al pacchetto di emendamenti del governo alla legge di stabilità su cultura e sicurezza. Le misure valgono complessivamente 2,6 miliardi di euro che saranno coperti grazie all'aumento del rapporto deficit/Pil del 2016 dal 2,2% al 2,4% senza attendere l'autorizzazione dell'Ue.

Tra le principali misure del pacchetto, un bonus di 80 euro mensili per le forze dell'ordine, comprese le Capitanerie di porto, escluse dal testo del governo e rientrate grazie ad un subemendamento. Il contributo straordinario sarà di 960 euro l'anno per una spesa complessiva di 500 milioni per il 2016. 

As.So.Di.Pro., completato l’esame della questione, si è fatta promotrice di un’azione giudiziale rivolta a ottenere l’applicazione della sentenza n.70/2015 della Corte Costituzionale e, quindi, il rimborso in misura integrale o, comunque, non irrisoria – tale essendo da considerare quella stabilita dal Governo e avallata dal Parlamento – di quanto dovuto ai pensionati a titolo di perequazione automatica per gli anni 2012-2013 e seguenti.Tutte le informazioni e la documentazione necessaria per aderire. 

E’ a rischio chiusura l’aeroporto militare di Decimomannu a causa della dipartita dei tedeschi alla fine del prossimo anno  che dopo 50 anni  probabilmente lasceranno la Sardegna.

In bilico è l’accordo tecnico tra la Lutwaffe tedesca e l’Aeronautica Militare Italiana sulla gestione al 50% dell’aeroporto militare di Decimomannu e del poligono di Capo Frasca a causa del prolungamento del periodo di chiusura del poligono da 2 mesi, come previsto dall’accordo internazionale, a  quattro mesi come definito invece in un recente accordo tra il Sottosegretario alla Difesa Domenico Rossi, ex generale dell’Esercito italiano, e il Presidente della Regione Sardegna.

Pagine