Periodico di informazione delle Forze Armate, Forze di Polizia e Pubblico Impiego

  

Archivio Mensile delle news

 

La tutela delle famiglie di fatto, consacrata anche dalla Legge Cirinnà, rende necessario equiparare coniugi e conviventi di fatto ai fini dei trasferimenti per ricongiungimento familiare. 

Nel silenzio della c.d. Legge Cirinnà, nei trasferimenti in ambito militare l’istituto del ricongiungimento familiare deve applicarsi anche ai conviventi more uxorio, a tutela della famiglia di fatto.

Nel regime del pubblico impiego vige la regola della esclusività, ma sono previste delle deroghe: a fronte di attività assolutamente vietate, si aggiungono attività autorizzabili dal datore di lavoro e attività liberalizzate secondo il regime dell’art. 53, d.lgs. 30 marzo 2001 n. 165. L’esercizio di attività di impresa è oggetto di un divieto assoluto. Sentenza della Corte dei conti, Sez. giurisdizionale per la Regione Lombardia, 7 maggio 2019.

Si è svolta martedi 14 maggio l’audizione del Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, Gen. Salvatore Farina, in Commissione difesa della Camera dei deputati sullo stato degli arruolamenti nella Forza Armata, ha mostrato dati allarmanti.

L’Esercito, ha detto Farina, non riesce a raggiungere la quota di 8mila nuove reclute l’anno

La Commissione Difesa, mercledi 15 maggio  ha svolto l'audizione della ministra Elisabetta Trenta. in merito all'indagine conoscitiva sullo stato del reclutamento nelle carriere iniziali delle forze armate. >> Il video completo dell'Audizione 

Continua l’esame in Commissione Difesa della Camera l’esame del testo base 875 della legge sul sindacato dei militari. Nella seduta di ieri 7 maggio sono stati discussi alcuni emendamenti relativi agli articoli 4, 7, 8, 9, 11, 13, 14, 16, 17 e 18. In primo luogo c’è da segnalare positivamente che sono stati respinti gli emendamenti PD volti ad introdurre il sindacato Interforze. Dobbiamo tuttavia evidenziare con disappunto l’approvazione di un emendamento (il 13.3) della Lega che subordina la rappresentatività dei sindacati all’ottenimento di una percentuale del 3% di tutte le categorie di personale che a ben vedere tutela la categoria numericamente più debole degli Ufficiali. Sempre in maniera negativa dobbiamo altresì rilevare l’approvazione di due altri emendamenti della Lega. Il 16.5 che (come già in uso alla Rappresentanza militare) limita i rapporti con la stampa ai soli dirigenti sindacali nazionali (escludendo quelli locali) ed il 17.4 che introduce un regolamento di attuazione (decreto del Ministro della Difesa di concerto con MEF), circostanza che consegna agli Stati Maggiori un potere enorme senza alcun contraddittorio con i sindacati. (fonte: Sindacato Lavoratori finanzieri - SILF)

 

  Con la recentissima sentenza n.2383/2019 del 12.04.2019, il Consiglio di Stato ha chiarito come va inteso ed applicato anche per il personale delle Forze di Polizia, oltre che per il personale delle Forze Armate, il comma 1-bis dell’art.1 della legge 29.03.2001, n.86.

  La pronuncia completa le coordinate ermeneutiche della normativa del 2001 e consente, a questo di punto, di proporre il quadro riassuntivo che segue....