Periodico di informazione delle Forze Armate, Forze di Polizia e Pubblico Impiego

  
www.prestiamo.it/militari/

 

Sondaggio

Il tema della riproposizione del servizio di leva si è recentemente imposto sul dibattito nazionale dopo le dichiarazioni del ministro dell’Interno, Matteo Salvini. Sei favorevole?

Area Riservata

Giornale

Mailing list

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter.

Gestisci le mie sottoscrizioni

Archivio Mensile delle news

Dopo nove anni di blocco dei contratti è stato sottoscritto l'accordo negoziale riguardante le Forze di Polizia. Come giudicare? E’ forse il caso di partire dal 2010, anno in cui è partito il famigerato congelamento contrattuale e stipendiale.

Nelle prime ore di venerdì 26 gennaio si è conclusa la concertazione economico-normativa del comparto difesa relativa al triennio 2016-2018.  

Il Cocer dell'Aeronautica non ha sottoscritto la piattaforma contrattuale e si appresta, come previsto dalla legge, a esplicitare le motivazioni del dissenso direttamente al Presidente del Consiglio dei Ministri, Paolo Gentiloni.

Con una sentenza destinata a fare scuola, il TAR di Bari spiega come il diniego di trasferimento di un militare deve deve essere dettagliatamente motivato, a pena di illegittimità.

Una notizia non favorevole per le speranze dei pensionati turlupinati dal Governo italiano e dalla Consulta, ci viene da Strasburgo. La Corte Europea dei diritti Umani (Cedu), nel giugno del 2017, ha respinto il ricorso di Abate ed altri pensionati del Veneto (n. 5403/17) contro il contributo di solidarietà applicato per gli assegni più alti, dichiarato legittimo dalla Consulta, se applicato una tantum in condizioni eccezionali.

Di Gianluca Taccalozzi - Dopo nove lunghi anni è stato finalmente definito un rinnovo contrattuale. La trattativa è stata inevitabilmente condizionata dal gravissimo ritardo con cui è iniziata, dalla insufficienza delle risorse, dalla campagna elettorale, dall’incertezza sul risultato delle prossime elezioni e dalla prossima scadenza dei Co.Ce.R.. In un contesto tattico caratterizzato dalla fretta di chiudere del Governo e di alcune rappresentanze e dalla melina ostruzionistica (ispirata dall’opposizione) di tal altre rappresentanze o rappresentanti.....Dopo anni di tagli lacrime e sangue, possiamo pacificamente affermare che almeno il trend è stato invertito. Non c’è da esultare. Non c’è da ringraziare nessuno, perché governo, maggioranza, opposizione, amministrazioni e rappresentanze hanno semplicemente fatto la loro parte. Credo però che non ci sia nemmeno da urlare vergogna, andando dietro al catastrofismo distruttivo alimentato dalla disinformazione strumentale che ha ormai invaso la rete....

Pubblichiamo gli  accordi relativi al comparto sicurezza e difesa siglati da Governo, rappresentanze sindacali e Cocer, tranne Cocer Aeronautca e Marina.

 

Il 2018 sarà un anno denso di eventi importanti per i diritti civili dei Finanzieri: alla fine di aprile inizieranno le procedure per il rinnovo degli organismi della rappresentanza militare (R.M.), dopo ben sei anni e due proroghe, mentre solo un paio di settimane prima, il 10 di quel mese, la Corte Costituzionale deciderà nuovamente (dopo quasi vent’anni) sulla legittimità del divieto di costituire sindacati. Potrebbe quindi trattarsi delle definitiva sepoltura di una istituzione, quella della R.M., ormai da tempo esangue.

Riprende la trattativa per il rinnovo del contrattp. Oggi altro round alla Funzione Pubblica e si dovrebbe capire se l’ipotesi di spacchettamento del contratto in due tranche è ancora in piedi.

La trattativa è inevitabilmente condizionata dalla campagna elettorale, non a caso la settimana scorsa PD e FI hanno incontrato rappresentanze e sindacati e proprio a margine di quegli incontri sono venute fuori prese di posizione e prurigiose indiscrezioni. 

0Il militare che per circostanze indipendenti dalla sua volontà non ha potuto accedere alla categoria dell’ausiliaria, a causa per esempio della sua inidoneità psico-fisica, di malattia, infermità, ecc., ha diritto ad ottenere l’applicazione di un beneficio economico, il cosiddetto “moltiplicatore”, che si traduce in un incremento della propria pensione.

I lavoratori ammalati da patologie asbesto correlate dovranno produrre due domande per conseguire la pensione speciale di inabilità introdotta dalla legge di bilancio per il 2017. Lo precisa l'Inps nella Circolare 7/2018 in cui l'istituto riepiloga in coordinamento con l'Inail requisiti e condizioni per l'accesso al beneficio. Nello specifico gli interessati che si trovano nelle condizioni previste dalla legge nel 2018 dovranno produrre una domanda per la verifica delle condizioni entro il 31 marzo 2018 e successivamente la domanda di accesso al beneficio (domanda di pensione). 

Prende il via “Estate INPSieme 2018”, il concorso dedicato ai giovani studenti per la partecipazione a soggiorni studio in Italia.

È stato pubblicato dall'INPS il bando Contributo per la frequenza di corsi di lingua all’estero.

L’INPS offre un contributo a parziale copertura delle spese, per fruire all’estero di un corso della lingua ufficiale del Paese ospitante, finalizzato a ottenere la certificazione del livello di conoscenza della lingua B2, C1, C2 secondo il Quadro Comune Europeo di riferimento – QCER (Common European Framework of Reference for languages – CEFR), rilasciato dai competenti Enti certificatori.

Continua a Palazzo Vidoni la trattativa sul rinnovo contrattuale del comparto sicurezza e difesa. La riunione di ieri 17 gennaio 2017 ha fatto registrare qualche passo avanti, in particolare nel settore sicurezza, ma l’accordo non è ancora stato raggiunto.

Riceviamo dal nostro studio legale una analisi sulla questione sorta a seguito di una recente sentenza della Corte dei Conti Sardegna.

Dopo quasi 10 anni di blocco contrattuale voluto dall'ultimo governo Berlusconi - e confermato dagli esecutivi Monti, Letta, Renzi e Gentiloni - i poliziotti e gli operatori delle forze dell'ordine italiani meritano qualcosa di più.

Vogliamo dirlo forte e chiaro a chi oggi, a Palazzo Chigi, punta a chiudere la trattativa in pochi giorni, dopo mesi di stallo, per portare a casa un "risultato" da utilizzare nella campagna elettorale già avviata. Anche il sindacato vuol chiudere presto questa trattativa, ma senza essere messi alle strette.

Pagine