Periodico di informazione delle Forze Armate, Forze di Polizia e Pubblico Impiego

  

Solo con questo giornale

una informazione imparziale

aggiornata e qualificata!

 

Con la quota individuale annuale si avrà diritto al recapito del nostro periodico e ad usufruire del servizio di consulenza telefonica con i nostri esperti.

 

Quota annuale  individuale (12 MESI) solo 59 euro annuali!  Riceverai  il Giornale cartaceo + consulenze telefoniche + accesso on line al nostro sito.

Direttore responsabile Antonella Manotti

L’INPS ha pubblicato un nuovo bando che assegna ben 6.491 borse di studio per la scuola superiore e 1.250 per la scuola media.Il maxi bando promosso dall’INPS si rivolge agli studenti della scuola secondaria di primo e di secondo grado.

2.128 borse di studio per poter accedere gratuitamente ai Master e ai corsi per i figli dei pensionati e dipendenti pubblici.

Pubblicato il bando di concorso  Convitti Inps a gestione diretta – Ospitalità residenziale e diurna – per utenti iscritti e non iscritti al fondo credito.

Il bando prevede la possibilità di beneficiare di posti residenziali in convitto e per il dopo scuola in semiconvitto, presso le Strutture di proprietà a gestione diretta in favore di studenti frequentanti la scuola primaria e la scuola secondaria di I e II grado, figli o orfani e equiparati di:iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali, pensionati utenti della Gestione Dipendenti Pubblici, iscritti alla Gestione Assistenza Magistrale, lavoratori o pensionati del settore privato, disoccupati o inoccupati, dipendenti o pensionati del settore pubblico non iscritti o non utenti della Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali e della Gestione assistenza magistrale.

La domanda va presentata dalle ore 12.00 di giovedì 1 settembre 2016  fino alle ore 12.00 di giovedì 8 settembre 2016

Più che aspettarsi comprensione e generosità, in questo momento di disimpegno generalizzato e di accentuazione degli egoismi è dunque più che mai necessario cercare alleati di scopo con i quali portare avanti le politiche necessarie a difendere gli interessi italiani in termini di sicurezza dei confini, approvvigionamenti energetici, difesa di partner commerciali e creazione di posti di lavoro.
È il caso della Libia, il cui valore strategico per il nostro Paese va dall'ENI — uno dei pochi grandi gruppi industriali rimasti all'Italia — all'immigrazione. Non è possibile lasciare che la politica sul nostro vicino di casa venga fatta a Washington, con il concreto rischio che le nostre esigenze vengano trascurate o apertamente contrastate, come sciaguratamente avvenuto nel 2011.

Prima ci devono essere le risorse per il rinnovo del contratto degli statali, poi per la flessibilità delle pensioni. Lo afferma il viceministro all'Economia, Enrico Zanetti che, intervistato da Sky Tg24, ha osservato: "Il tema è quello delle priorità e in questa fase - ha detto parlando del cantiere manovra - la priorità va data alle misure che favoriscono l'occupazione e la crescita, poi ci sono quelle per la redistribuzione". In particolare per Zanetti bisogna "partire dalle misure che evitano l'aumento dell'Iva, poi ci sono le misure per ridurre la pressione fiscale delle imprese, poi ci sono degli spazi da gestire con attenzione, come il rinnovo del contratto del pubblico impiego che viene prima delle pensioni. Le pensioni non vanno davanti alle misure per la crescita e al rinnovo del contratto degli statali. E' sacrosanto".

La Ragioneria Generale dello Stato ha pubblicato la Circolare del 14 giugno 2016, n. 19 concernente i nuovi limiti di reddito familiare da considerare, elaborati sulla base del reddito conseguito nel 2015, ai fini della corresponsione dell'assegno per il nucleo familiare per il periodo 1° luglio 2016 - 30 giugno 2017. Allegate alla circolare vi solo le tabelle di riferimento e il modello di domanda.

 

L’ANAC - Autorità Nazionale Anticorruzione - lo scorso 3 agosto ha pubblicato il testo definitivo del Piano Nazionale Anticorruzione 2016 in cui, tra l'altro, si prevede he non sarà più consentito alle amministrazioni regolamentare una stessa procedura con più strumenti normativi; per esempio, con il Piano triennale e con altre disposizioni di rango inferiore (lettere, fogli d’ordine, circolari, codici etici, ecc..). In tutti questi casi, evidentemente, si corre il rischio di creare interpretazioni discordanti che generano incertezza e confusione. Alla luce di questa norma l'autore dell'articolo evidenzia la discrasia che può scaturire dagli  interventi normativi con cui è stato introdotto in Guardia di Finanza l’istituto del whistleblowing.

Concorso, per titoli ed esami, per la nomina di 11 Tenenti in servizio permanente nei ruoli normali dell'Aeronautica Militare.

L'’INPS attua il ricalcolo degli assegni di quei lavoratori che hanno sommato i benefici di quote contributive sulle pensioni retributive. Tra le categorie più coinvolte ci sono i magistrati, i professori universitari e gli alti dirigenti e cariche dello Stato, tuttavia il doppio calcolo mette a rischio anche le pensioni militari.

Per quale motivo? Quali potrebbero essere le conseguenze del doppio calcolo sulle pensioni militari?

 Daniele Marantelli, parlamentare del Partito democratico (Pd), membro della Commissione Difesa, che ha presentato un'interpellanza  al ministro  della Difesa sull'argomento.
Obiettivo: capire «a quale stadio si trovi il progetto di riforma della giustizia militare, di sapere se è confermato l’intento di costituire un gruppo di lavoro sul tema presso il ministero della Difesa e di valutare, nell’ambito di tale riflessione e alla luce della già citata pochezza numerica e qualitativa del contenzioso trattato, la soppressione del sistema giudiziario militare e la sua integrazione nel sistema giudiziario ordinario».

L’INPS comunica che dal 5 settembre 2016 emetterà note di debito per il recupero delle quote anticipate e non ancora richieste riferite ai benefici calcolati sulle pensioni per gli ex combattenti dipendenti dello Stato e degli altri enti pubblici. Il pagamento è in unica soluzione, ma è possibile optare per la rateazione su richiesta da effettuarsi nel termine di 90 giorni dall’avvenuta ricezione della comunicazione.

di Gianandrea Gaiani - Washington non ha chiesto ancora supporto all’Italia per le operazioni che conduce da alcuni giorni in Libia, la mini-guerra di Barack Obama contro lo Stato Islamico a Sirte impiegando pochi aerei, droni ed elicotteri basati sulla portaelicotteri Wasp e in Giordania.

Eppure a Roma il governo sembra avere una gran fretta di accodarsi alla campagna aerea americana, se non mettendo in campo mezzi militari almeno fornendo le basi ai velivoli statunitensi.


di Daniele Tissone  - Segretario generale sindacato di polizia Silp Cgil - 

I poliziotti italiani di oggi non sono poi così diversi da come Pasolini e Di Vittorio li descrivevano anni orsono. "Lavoratori come gli altri, figli dei poveri, delle periferie urbane e contadine, in gran parte del sud, servitori dello Stato eppure cittadini di serie B". Due grandi protagonisti della vita culturale, politica e sindacale del '900 avevano compreso e cercato di far comprendere agli italiani cosa c'era dietro quelle divise logore che per molti, specialmente negli anni della contestazione, rappresentavano il nemico.

Oggi i poliziotti non provengono solo dal sud e non sono più figli dei poveri, ma rischiano di diventare i nuovi poveri se è vero, come è vero, che da 7 anni non è stato rinnovato loro il contratto di lavoro e che, in molti casi, devono mantenere una famiglia, pagare un mutuo e sopravvivere al caro vita delle grandi città con 1.200/1.400 euro al mese, soggetti anche a doveri e obblighi non riscontrabili presso le altre categorie di lavoratori. Problemi che li accomunano agli operai, agli impiegati e alla gran parte del mondo del lavoro che vive oggi, per via della crisi economica che continua a mordere, una situazione difficile e complessa.

“Riconosco a questo governo di aver invertito significativamente un trend che da oltre dieci anni vedeva le forze di polizia non all’attenzione dei governi che si sono succeduti”.

Lo ha detto il capo della polizia Franco Gabrielli rispondendo a una domanda sulla richiesta dei sindacati delle divise, in particolare del Silp Cgil, di schierare agenti più giovani dopo le polemiche legate alla morte del sovrintendente Diego Turra.

Il comunicato congiunto delle OO.SS. della Polizia di Stato emanato a seguito dell'ultima riiunione con l'Amministrazione sul riordino delle carriere durante la quale  la delegazione ha consegnato un  documento che presenta contenuti a carattere generale, nonché privi della parte relativa ai ruoli Commissari e Dirigenti e sul loro futuro, condizionando una compiuta valutazione dell’impianto prospettato dall’Amministrazione

Pagine