Periodico di informazione delle Forze Armate, Forze di Polizia e Pubblico Impiego

  

La legge di stabilità per il 2015 conferma il blocco della contrattazione dei salari per i dipendenti pubblici. In attesa del testo definitivo del disegno di legge che sarà presentato ufficialmente nelle prossime settimane in Parlamento la bozza attualmente disponibile prevede una stima di minor spesa per il prossimo anno oscillante tra i 2,1 e 2, 5 miliardi di euro.
E' stato quindi sostanzialmente rispettato quanto indicato dal ministro della Funzione pubblica Marianna Madia nelle scorse settimane: sino al 31 dicembre del prossimo anno, viene prorogato lo stop alla possibilità di recupero della parte economica del contratto in occasione del rinnovo dei contratti collettivi, nonchè la possibilità di progressioni verticali o orizzontali. Il blocco riguarderà anche l'indennità di vacanza contrattuale che non sarà più recuperata e i vari automatismi stipendiali del personale non contrattualizzato.

Unica eccezione è stata confermata per polizia e forze armate per le quali arriva il promesso sblocco economico degli scatti di carriera a partire dal prossimo gennaio, un'apertura che dovrebbe essere estesa anche alle magistrature e all' Avvocatura dello Stato.

Ci sarà anche un dimagrimento degli stipendi dei componenti degli uffici di diretta collaborazione dei Ministri, come ad esempio i capi gabinetto, e consiglieri legislativi. La legge di stabilità estende infatti a tali soggetti il limite massimo stipendiale di 240mila euro ancorandolo al trattamento economico attualmente previsto in favore del primo presidente della Corte di Cassazione.

Argomento: 
Attualità e Politica