Periodico di informazione delle Forze Armate, Forze di Polizia e Pubblico Impiego

  

 

Per il Tar del Friuli Venezia Giulia gli anni di VFP vanno compresi nel calcolo dell’anzianità di servizio per la Polizia di Stato

**************************

Ai fini del calcolo dell’anzianità di servizio chi presta servizio per la Polizia di Stato ha diritto al riconoscimento degli anni prestati come volontari in ferma prefissata. Lo ha stabilito il Tar del Friuli Venezia Giulia con la sentenza n°289 del 2017, con la quale ha accolto il ricorso presentato dai vincitori del concorso per allievi agenti della Polizia di Stato del 2008, inseriti però nella seconda aliquota della graduatoria.

Una sentenza accolta favorevolmente dai sindacati poiché afferma un principio molto importante: anche gli anni di servizio prestati presso le Forze Armate sono riconosciuti ai fini del calcolo dell’anzianità di servizio.

Il caso di specie

Il TAR del Friuli ha accolto il ricorso presentato da alcuni vincitori del concorso per la Polizia di Stato del 2008, con il quale sono stati reclutati 907 allievi agenti.

Il problema di questo concorso è rappresentato dalla sua graduatoria, suddivisa in due aliquote differenti: chi si trovava nella prima è stato nominato immediatamente agente della Polizia di Stato, mentre chi è stato inserito nella seconda ha dovuto sostenere prima 4 anni come VFP nelle Forze Armate, per poi iniziare il corso di formazione nelle Forze di Polizia.

A quest’ultimi però non è stata riconosciuta la stessa anzianità di servizio dei colleghi divenuti immediatamente agenti di Polizia, poiché i quattro anni nelle Forze Armate non sono stati compresi nel calcolo. Per questo motivo gli inclusi nella seconda aliquota della graduatoria del concorso hanno fatto ricorso al TAR del Friuli Venezia Giulia, il quale ha riconosciuto il loro diritto.

i giudici del tribunale amministrativo friulano hanno accolto il ricorso presentato dai rientranti nelle seconde aliquota VFP stabilendo il principio per cui anche chi ha prestato servizio nelle Forze Armate va inquadrato con la stessa anzianità di servizio degli altri vincitori del concorso.

Questo perché i 4 anni di servizio prestati nelle Forze Armate non sono altro che una diversa modalità, riconosciuta dalla legge, di prestazione di servizio. A tal proposito il Tar del Friuli Venezia Giulia ha esteso a tutti i vincitori del suddetto concorso - quindi non solo ai ricorrenti - il diritto a beneficiare di un ricalcolo dell’anzianità di servizio, nel quale bisognerà tener conto del periodo impiegato nelle Forze Armate.

Quindi chi ha sostenuto il concorso sul quale si è espresso il tribunale amministrativo ha diritto a richiedere all’Amministrazione di appartenenza un riconteggio della propria anzianità di servizio.

Resta da capire quali risvolti ulteriori avrà questa sentenza; solo chi ha sostenuto questo concorso ha diritto al riconoscimento degli anni di VFP4 ai fini del calcolo dell’anzianità di carriera? Oppure il periodo prestato nelle Forze Armate va sempre riconosciuto? Al momento la sentenza si limita al concorso del 2008, ma non escludiamo che questa possa fare da apripista a nuove pronunce giurisdizionali.

Fonte: https://www.money.it/

Argomento: 
Sentenze