Periodico di informazione delle Forze Armate, Forze di Polizia e Pubblico Impiego

  

 

Nella rivista scientifica The Lancet, di recente è stato pubblicato un interessante articolo che analizza il coinvolgimento degli eserciti nella salute globale. Sottolineato l'impegno militare di lunga data nella salute globale. La stessa professione infermieristica moderna nasce grazie alla medicina militare, durante la guerra di Crimea tra il 1854 - 55 ad opera delle attività di cura e ricerca gestite da Florence Nightingale.

Gli scienziati e i professionisti della salute militare sono in prima linea in importanti progressi nella sanità pubblica a livello nazionale e internazionale dal XVIII secolo. Le forze armate sono fondamentali ed efficaci nella risposta ai disastri e calamità come terremoti, uragani, tsunami ecc.. Le loro competenze e risorse spaziano dalla ricerca, alla sorveglianza e all'esperienza medica, implementabili alla logistica, trasporti e  sicurezza. Nonostante questo indubbio valore e capacità, le forze armate hanno anche dei limiti. Le politiche delle nazioni stanno mostrando una crescente volontà all’utilizzo delle forze armate per sostenere la salute globale, ma le linee guida e le strategie per governare l'impegno militare in ambito sanitario sono scarse così come le opportunità strutturate per le organizzazioni militari e civili di impegnarsi a vicenda. 

Dal 2010, il peso della malattia derivante dalla guerra e dalle violenze associate è aumentato.  I principali effetti negativi sulla salute della popolazione sono il risultato di guerre civili (tra cui in Siria, Libia, Yemen e Iraq), insurrezioni (in Nigeria, Afghanistan e Pakistan). A volte i militari hanno addirittura preso di mira i civili e hanno attaccato direttamente gli operatori sanitari e le strutture sanitarie.

Si stima che solo nel 2017 ci sono stati almeno 701 attacchi a strutture sanitarie in 23 paesi colpiti da conflitti, che hanno coinvolto 101 operatori sanitari e comportato 293 decessi.

L'azione militare internazionale è motivata principalmente da considerazioni di difesa e sicurezza, non da umanitarismo o equità sulla salute e può essere essa stessa una minaccia per la salute pubblica, poiché in ogni caso, i conflitti portano alla perdita di vite umane. 

Eppure, le forze armate possono anche essere uno strumento essenziale per proteggere la salute e la vita, prevenire violenze e persino porre fine al conflitto armato.

La maggior parte delle attività militari, relative alla salute globale, sono attuate principalmente dalle forze armate nazionali del Canada, degli Stati Uniti e dei paesi dell'Europa occidentale. Le forze armate di altre regioni del mondo si impegnano a volte in tali attività, ma raramente vengono riportate in letteratura, quindi la maggior parte degli esempi  proviene da eserciti in Nord America e Europa occidentale.

Interventi e ricerca sulle malattie infettive

Il sostegno militare in riguardo della salute delle popolazioni è  in relazione all’obiettivo di proteggere e difendere le proprie risorse, quindi la maggior degli interventi si concentrano su malattie infettive acute in una popolazione giovane adulta. Il focus sono le malattie che possono mettere a repentaglio la prontezza operativa (es. malaria, dengue, diarrea) o rappresentare minacce alla sicurezza per la salute come potenziali armi biologiche (ad esempio, malattia da virus Ebola, antrace, vaiolo).

Su questo fronte gli esempi sono molteplici, ad sempio l’esercito brasiliano contro l’epidemia del  virus Zika ha impiegato  200.000 miitari. Sui vaccini e farmaci per combattere l'influenza e la malaria molti passi avanti si devono a ricercatori medici militari. Grazie a l’esercito statunitense raggiunti gli studi di fase 3 per il vaccino HIV e il primo vaccino approvato per la malaria; mentre in collaborazione alle forze armate cinesi importanti i progressi sui vaccini e farmaci contro il virus Ebola.

Scienziati militari australiani hanno studiato dengue e malaria, e il Royal Thai Army della Thailandia ha condotto una ricerca congiunta con l'esercito statunitense su una serie di malattie infettive.

Ingenti le risorse economiche investite dall’esercito sulla ricerca e sviluppo per le malattie tropicali. Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti è stato il quinto maggior finanziatore a livello mondiale nel 2016, fornendo circa 79 milioni di US $ (2 · 5%). In confronto, il National Institutes of Health degli Stati Uniti è stato il più grande finanziatore di tale ricerca nel 2014, fornendo $ 1 · 3 miliardi (38%) di finanziamenti globali per la ricerca e lo sviluppo.

Altre motivazioni sul fronte delle malattie infettive, sono l’opportunità di relazioni economiche, commerciali tra i paesi o la prevenzione mantenimento della pace. È questo il caso dell’esercito popolare cinese di liberazione che dal 2006 ha schierato unità mediche in tutta l'Africa in missioni contro la malaria e l'HIV / AIDS. Le forze armate francesi hanno assistito paesi come Gibuti e Guyana francese con sistemi di allarme e sorveglianza in tempo reale per malattie infettive. Dal 2008, il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha fornito formazione e condotto esercitazioni con le forze armate straniere in 16 paesi Africani per migliorare il loro ruolo nella preparazione e risposta alle pandemie.

La salute nei conflitti

Il diritto internazionale e in particolare la Convenzione di Ginevra, attribuisce una responsabilità in ambito sanitario alle forze militari straniere che occupano un territorio. 

L'assistenza medica deve essere fornita in modo imparziale in ogni momento sulla base delle esigenze delle persone e delle popolazioni colpite.  Gli standard delle norme igieniche e sanitarie, la fornitura di cibo e assistenza medica alla popolazione sotto occupazione devono essere garantite e adeguate.

I conflitti negli ultimi due decenni hanno visto gravi violazioni di questi principi.  

In conflitti civili come in Siria e nello Yemen, alcuni militari e gruppi armati non statali non hanno fornito l’assistenza medica necessaria alle popolazioni civili colpite, provocando epidemie di poliomelite e colera.

L'applicazione delle Convenzioni di Ginevra è ulteriormente complicata quando i confini di ciò che costituisce la guerra,  non sono chiari o volutamente vaghi. Ad esempio, dopo gli attacchi terroristici dell'11 settembre 2001, il governo degli Stati Uniti ha sostenuto che la Convenzione di Ginevra non si applicava nel contesto di conflitti con organizzazioni terroristiche  come Al-Qaeda e talebani (politica che si è limitata successivamente con il governo Obama).Così quando le forze armate statunitensi entrarono in Iraq nel 2003, gli U.S.A.  dichiararono di essere dei “liberatori”, di averli liberati dall’oppressore, piuttosto che una potenza occupante.

In conclusione, il coinvolgimento della difesa militare nei settori della sicurezza e salute ha consentito un nuovo quadro di opportunità per il settore sanitario globale. Tuttavia, si può fare molto di più per rafforzare ed espandere queste collaborazioni. La maggior parte dei leader e del personale militare non sono addestrati o equipaggiati per pensare o funzionare come operatori sanitari globali. Esistono divari culturali e comunicativi tra i militari e altri attori della salute globale. Gli approcci e le azioni militari sono talvolta in contrasto con i principi sanitari e umanitari globali, il disallineamento può essere particolarmente acuto durante i conflitti armati. I militari continuano a impegnarsi direttamente, o finanziare, la ricerca e lo sviluppo della salute pubblica come strategia per proteggere e sostenere la salute del loro personale, perché avere una sana forza di combattimento è una priorità assoluta.

Altri importanti problemi di salute globale, tra cui molte cause di mortalità infantili e materne prevenibili, la cura delle malattie croniche invalidanti degli anziani non sono solitamente affrontati dalla ricerca e dallo sviluppo militari. Inoltre, i finanziamenti militari su un progetto sanitario, possono fluttuare nel tempo, diminuire improvvisamente quando ad es. si ritiene che una minaccia sia passata.

Le soluzioni suggerite dagli autori della pubblicazione The Lancet, sono la formazione, educazione dei professionisti della medicina militare su concetti e obiettivi di salute globale, compresa la gestione del rischio di disastri sanitari, i ruoli delle organizzazioni internazionali e delle organizzazioni non governative, i diritti e i requisiti per l'assistenza medica e la salute pubblica ai sensi del diritto internazionale umanitario esistente. La costituzione di un forum permanente  in cui le forze armate e altri attori sanitari internazionali come ad esempio l’OMS, organizzazioni scientifiche, rappresentanti governativi, possano interfacciarsi in modo efficace, ad esempio un corpo militare-civile multilaterale che si riunisca regolarmente per fornire indicazioni per l'impegno militare sulla salute globale

Ma secondo gli autori dell’articolo, sono necessarie ulteriori indagini per capire il rapporto costo-efficacia dei militari rispetto agli interventi civili e per identificare le aree in cui esiste una sinergia tra attori militari e civili.

di

ELSA FROGIONI

https://www.infermieristicamente.it/articolo/10123/le-forze-militari-per...

 

Argomento: 
Approfondimenti