Periodico di informazione delle Forze Armate, Forze di Polizia e Pubblico Impiego

  

 

NoiPA conferma che a partire dal mese di aprile sul cedolino stipendiale dei dipendenti pubblici sarà aggiunta l’indennità di vacanza contrattuale: aumento di pochi euro fino a quando non ci sarà il rinnovo del contratto. 

Per i dipendenti pubblici nel mese di aprile è previsto un piccolo incremento di stipendio; niente di rilevante, visto che si tratta di un aumento di pochi euro(variabile a seconda della retribuzione percepita), ma sufficiente per far parlare di sé.

A partire dal prossimo mese, infatti, sullo stipendio mensile si aggiunge l’indennità di vacanza contrattuale, ossia quel compenso riconosciuto ai dipendenti pubblici nei periodi in cui il contratto risulta scaduto. A confermare l’introduzione dell’indennità di vacanza contrattuale a partire dallo stipendio di aprile - con un successivo aumento previsto per luglio - è la stessa NoiPa con un comunicato pubblicato sul portale

 

A partire dal 1° aprile 2019 ai dipendenti pubblici verrà riconosciuto un incremento dello 0,42% dello stipendio tabellare: è questo, infatti, il 30% dell’indice dei prezzi armonizzato (il cosiddetto IPCA).

Ciò significa che, ad esempio, un dipendente pubblico con una retribuzione tabellare di 1.800€ lordi avrà diritto ad una maggiorazione di appena 7,50€, mentre per stipendi più elevati, come ad esempio chi percepisce un lordo di 2.600€ questa è pari a 10,92€.

Da luglio 2019, invece, l’indennità sarà aumentata allo 0,7% del tabellare, ossia il 50% dell’indice dei prezzi armonizzato (l’IPCA nel 2019 è dell’1,4%). Quindi, sugli stessi stipendi tabellari presi come esempio in precedenza, si avrà un incremento rispettivamente di 12,60€ e di 18,20€.

 

 

 

Argomento: 
Attualità e Politica