Periodico di informazione delle Forze Armate, Forze di Polizia e Pubblico Impiego

  

 

Si sta spargendo la voce di una decurtazione del 20% delle risorse destinate ai Fondi Efficienza delle Forze di Polizia per il 2015 (in pagamento nei prossimi mesi), rispetto a quelle del 2014 (pagate nel corso del 2015).

La questione è vera ma non si tratta di una decurtazione strutturale, bensì dell’assenza, rispetto all’anno precedente, dei 100 milioni di euro[1] e della quota parte delle risorse FUG[2] (peraltro non ancora disponibili), straordinariamente ed occasionalmente dirottate sui fondi efficienza 2014, con il fine “implicito” di compensare gli effetti del blocco stipendiale nell’anno 2014.

In sede di concertazione del Fondo 2014, Amministrazione Co.Ce.R. GdiF si sono accordati per utilizzare quelle risorse extra una tantumper compensare i tagli del blocco stipendiale 2014[3], coerentemente con le implicite intenzioni per cui erano state stanziate.

Motivo per cui nel FESI 2015 Guardia di Finanza non ci sarà (ovviamente, per il venir meno del blocco stipendiale) la misura una tantum compensativa del blocco, mentre gli altri importi “tradizionali” non subiranno alcuna decurtazione sostanziale rispetto al FESI 2014.

 

Gianluca Taccalozzi – Delegato Co.Ce.R. Guardia di Finanza.


[1] Legge n. 147/2013 art. 1 comma 103

[2] Legge n. 147/2013 art. 1 comma 467

[3] Art. 12 d.M. Fondo Efficienza 2014 Guardia di Finanza.

Argomento: 
Guardia di Finanza