Periodico di informazione delle Forze Armate, Forze di Polizia e Pubblico Impiego

  

 

Si svolge oggi a Roma, il Presidum Meeting dell’Euromil, l’organizzazione che rappresenta sindacati e associazioni militari in Europa.
L’incontro si colloca in un momento particolarmente importante per il nostro Paese perchè è solo di qualche giorno fa la notizia che la Corte europea dei diritti dell’uomo ha depositato due sentenze .affermando in entrambe la violazione dell’Articolo 11 della Convenzione europea dei diritti dell’uomo da parte degli Stati che vietano la costituzione di sindacati o di associazioni professionali tra i militari.
L'Italia è uno dei paesi europei che ancora negano il diritto di sindacale al personale militare.
Lo ricorda una nota che appare sul sito ufficiale dell’Euromil in cui si sottolinea come - già nel 2009, EUROMIL era stata invitata ad un'audizione al Senato, in occasione della presentazione del disegno di legge sui diritti di rappresentanza per il personale militare.
Il disegno di legge era stato presentato dalla senatrice Roberta Pinotti del Partito Democratico.
“Nel febbraio 2014,
ricorda l’organizzazione europea, Roberta Pinotti è diventata Ministro della Difesa. EUROMIL in occasione di questa importante nomina ha chiesto al ministro Pinotti il suo parere sul diritto di associazione per il personale militare. Purtroppo non ricevendo o ancora una risposta!”.
Tuttavia, questo non significa che nulla si sta muovendo in questo campo in Italia. Nel 2014 tre disegni di legge sul sistema di rappresentanza militare e il diritto di associazione per il personale militare sono stati presentati in nel parlamento. La Commissione difesa della Camera dopo l'inizio dell'esame dei ddl procederà alla stesura di questi disegni di legge.
Il ddl n. 1963 è stato presentato dall'on. Gian Piero Scanu e diversi altri membri del Partito Democratico, il partito della ministra Pinotti. Con questo disegno di legge i deputati firmatari propongono di rivedere il sistema interno di "Rappresentanza Militare" o rappresentanza militare. Le associazioni dei militari italiani hanno paura che questa sia solo un'operazione di pulizia per mantenere l'attuale sistema interno di rappresentazione.
Il secondo disegno di legge, il numero 1993, è stato presentato dall'on. Donatella Duranti e firmato da altri membri del partito dell'ala sinistra Sinistra Ecologia Libertà. Questo disegno di legge prevede l'introduzione nelle forze armate italiane dei sindacati. Tuttavia, vi è una restrizione del diritto di sciopero, che non è un ostacolo per EUROMIL.
Infine, il disegno di legge numero 2097 è stato presentato dall'on. Vincenzo D'Arienzo, anche del "Partito Democratico". Questo progetto prevede anche delle modifiche all'attuale sistema interno, ma introduce il diritto di associazione.
Avendo tre disegni di legge sul tavolo, la Commissione Difesa ha deciso di raccogliere informazioni su questa tematica. Poiché l'unica organizzazione europea ombrello di associazioni militari e dei sindacati, è EUROMIL questa è stata invitata a partecipare a un'audizione presso la commissione Difesa della Camera dei Deputati a Roma il 17 luglio 2014. L'audizione è stata richiesta dall'on. Donatella Duranti , il firmatario del disegno di legge numero 1993.
Una decina di parlamentari appartenenti al Partito Democratico , Sinistra Ecologia Libertà e al Movimento Cinque Stelle hanno partecipato all'audizione. Il Presidente di EUROMIL, Emmanuel Jacob, ha iniziato presentando brevemente la storia, la missione e gli obiettivi di EUROMIL. I deputati sono stati poi informati circa le iniziative che sono state prese in questo campo dal Consiglio d'Europa, l'Unione europea e l'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE), nonché alcune decisioni della Corte di giustizia europea e la Corte europea dei diritti dell'uomo. Ultimo ma non meno importante, è stata presentata una sintesi dei diversi accordi di partnership di successo nei paesi europei. Emmanuel Jacob ha dichiarato che l'obiettivo della presentazione di EUROMIL non è quello di proporre di copiare un sistema specifico di un altro paese europeo e cercare di attuarlo in Italia. Tuttavia, si consiglia di introdurre un sistema in Italia sulla base dell'esperienza di quei paesi che, dal momento che molto tempo fa, per alcuni di loro più di cento anni, ha stabilito un rapporto strutturale tra le associazioni militari o sindacati e la politica. Se questo tipo di dialogo sociale ben regolato funziona in Danimarca, Svezia, Paesi Bassi, Germania e molti altri paesi, perché non dovrebbe essere possibile in Italia? Il presidente ha anche dichiarato che l'Italia non dovrebbe fare questo perché "l'Europa lo vuole", ma perché l'Italia concorda con la legislazione internazionale!
EUROMIL ha detto ai membri della Commissione difesa di essere disponibile a sostenere questo processo, dove e quando necessario.
Non vediamo l'ora di incontrare di nuovo i parlamentari in occasione del nostro prossimo Presidium Meeting che si terrà il 17-18 ottobre 2014 a Roma!!”.

Argomento: 
Varie