Periodico di informazione delle Forze Armate, Forze di Polizia e Pubblico Impiego

  

 

Si è svolto il 26 ottobre 2016 il previsto incontro tra il Cocer e lo Stato Maggiore della Difesa sul riordino delle carriere.

Dopo il saluto e l’introduzione del Sottocapo di Stato maggiore della difesa, Generale Nordio, i tecnici dello Stato Maggiore hanno illustrato al Cocer interforze il progetto di riordino.

Come rappresentanti del ruolo Sergenti accogliamo con favore il recepimento di alcune nostre istanze con particolare riferimento alla riduzione dei periodi di permanenza nei vari gradi del ruolo, all’incremento dei punti parametrali e alla problematica del personale arruolato ai sensi della legge 958.

Tuttavia rimangono ancora da chiarire alcuni aspetti del progetto relativamente alle norme transitorie, ai concorsi interni e alla salvaguardia del principio di equiordinazione tra il personale delle forze armate e quello delle forze di polizia. Con le norme transitorie ci auspichiamo, in particolare, una valorizzazione e una tutela delle anzianità di servizio del personale al fine di evitare sperequazioni di sorta e scavalcamenti all’interno del ruolo sergenti nonché dei percorsi di carriera che favoriscano una reale osmosi nel passaggio al ruolo superiore.

Il Cocer ha chiesto di conoscere, inoltre, le effettive risorse allocate per il riordino e l’articolato sul quale poter lavorare per apportate eventuali modifiche in sinergia con tutte le categorie interessate e di concerto con l’Amministrazione.

I delegati si riuniranno, infatti, nei prossimi giorni per stabilire obiettivi e proposte correttive da presentare all’Amministrazione della Difesa che, su input del Governo, questa volta pare abbia finalmente deciso di portare a compimento il riordino delle carriere atteso da oltre vent'anni.

 

Lo dichiarano i delegati del Cocer Interforze Alfio Messina e Antonsergio Belfiori.

Argomento: 
Difesa