Periodico di informazione delle Forze Armate, Forze di Polizia e Pubblico Impiego

  

Lettera al Presidente della Commissione Difesa per ripresa iter proposta inchiesta parlamentare

A giugno 2013 abbiamo presentato una proposta di inchiesta parlamentare sui casi di morte e gravi malattie che hanno colpito il personale delle nostre forze armate impegnate in missioni all’estero, nei poligoni di tiro e nei siti di deposito di munizioni con particolare attenzione agli effetti dell'utilizzo di proiettili all'uranio impoverito e della dispersione nell'ambiente di nanoparticelle di minerali pesanti prodotte dalle esplosioni di materiale bellico. Da allora nessuna notizia sulla commissione ma tanta retorica sulle nostre forze armate e i suoi uomini.

Lo affermano i deputati di Sel della Commissione Difesa Donatella Duranti e Michele Piras.

 

Eppure l’urgenza di sapere cosa sta uccidendo ai nostri militari ci dovrebbe essere visto che, purtroppo, continuano i casi di decesso. Da ultimo, il caso del maresciallo Giancarlo Cocco di San Sperate (Cagliari), che aveva operato nel poligono di Capo Frasca (VS) dove era stato esposto alle radiazioni di uranio impoverito, morto di tumore al fegato nei giorni scorsi. Oggi abbiamo inviato al Presidente della Commissione Vito una lettera con la quale chiediamo l’immediata ripresa dell’iter della nostra proposta. Non si può aspettare ancora, concludono i deputati di Sel della Commissione Difesa Duranti e Piras"".

 

Lo rende noto l’ufficio stampa nazionale di Sel

 

Argomento: 
Parlamento