Periodico di informazione delle Forze Armate, Forze di Polizia e Pubblico Impiego

  

Come avevamo anticipato la scorsa settimana (smentendo varie false notizie che davano per già approvati i pareri parlamentari) , tra lunedi 11 e mercoledi 13 le competenti Comissioni di Camera e Senato hanno licenziato i pareri sugli schemi di decreto legislativo AG 118 e AG 119 cc.dd. correttivi bis al riordino dei ruoli. I pareri delle Commissioni si aggiungono al parere reso dal Consiglio di Stato. Ora la parola torna al Governo che, entro l’anno, dovrà approvare i testi definitivi.

I pareri delle Commissioni e del Consiglio di Stato, pur non essendo vincolanti, rappresentano i principali elementi sui quali si baseranno le eventuali modifiche che il Governo eventualmente apporterà ai testi già approvati in via preliminare per l’analisi dei quali si rinvia all’INFOSILF2 SPECIALE CORRETTIVO.

Al netto delle novità gia note (vgs. nostra analisi del 6 dicembre), i pareri offrono due importanti spunti di interesse:

1. nel parere della IV Commissione Camera su AG 118) si legge una considerazione, del tutto condivisibile, che sottolinea l‘inadeguatezza del rigido sistema retributivo del comparto (cosa che il SILF ha denunciato!) anche e sopratutto in vista dell’avvento dei sindacati e della contrattazione (il che presuppone una riforma dell’attuale sistema basato sulla mera consultazione)

“””quanto al trattamento economico, esso è totalmente parametrizzato, nel senso che a ogni grado o qualifica è associato un parametro, il cui valore unitario determina automaticamente l’ammontare dello stipendio. Anche la parte variabile del trattamento economico corrisposta attraverso numerose indennità di base e accessorie è legata a parametri fissi;
tale modello suscita perplessità legate all’imminente introduzione nel mondo delle Forze armate di associazioni a carattere sindacale con capacità di raggiungere accordi contrattuali attraverso un procedimento di negoziazione. Con un sistema parametrico rigido, l’attenzione del negoziato è portata ad intervenire sulla carriera gerarchica. Poiché, allo stato attuale, ogni aumento di stipendio è legato ad una promozione gerarchica, questo modello tende alla naturale proliferazione di gradi e qualifiche alle quali con difficoltà si deve cercare di corrispondere con impieghi funzionali. Tracce evidenti di questa commistione di interessi possono essere trovate in questo provvedimento e in quello che lo ha preceduto”””

2. nel parere della IV Commissione Senato sull’A.G. 118 tra le “condizioni” si chiede, anche considerando le osservazioni mosse dal Consgilio di Stato, la totale espunzione di tutte le norme inerenti la disciplina ed i procedimenti disciplinari, comprese quelle che consentono alle Amministrazioni la possibilità di avviare o riattivare il procedimento disciplinare già sospeso o non attivato in pendenza di un procedimento penale; al contrario il parere dell IV Commissione Camera sull’A.G. 118 pone come “condizione” l’estensione della possibilità di avviare o riattivare il procedimento disciplinare già sospeso o non avviato in pendenza di un procedimento penale, già prevista per il resto del pubblico impiego; vedremo cosa farà il Governo.

Rileviamo inoltre con rammarico, come nessuno abbia stigmatizzato l’assenza di osservazioni in ordine alla norma che, da un lato, ammette l’applicazione (già conclamata in sede giudiaziale) dell’art. 42bis del d.lgs. n.151/2001 (c.d. tutela della genitorialità) anche alle amministrazioni del comparto sicurezza e, dall’altro, ne pregiudica gli effetti consentendo di fatto il diniego per carenze organiche del reparto di provenienza (circostanza più volte bocciata dalla giurdisprudenza amministrativa).

Per quanto infine agli effetti di dettaglio sulle carriere e sulle retribuzioni questa O.S. rinvia ogni valutazione e commento alla pubblicazione del testo di legge, non essendo stata minimamente coinvolta nella trattativa (condotta solo ed esclusimente dal CoCeR) e non ritenendo corretto, opportuno e dignitoso (per un sindacato) produrre una qualsivoglia analisi su indiscrezioni o informazioni lasciate trapelare dalla rappresentanza militare.

 

SILF - SINDACATO LAVORATORI FINANZIERI ( https://www.silfnazionale.it/2019/12/12/correttivo-bis-definiti-i-pareri-parola-al-governo/)

Argomento: 
Parlamento