Periodico di informazione delle Forze Armate, Forze di Polizia e Pubblico Impiego

  

L’Inps ha confermato i numeri nella circolare pubblicata lo scorso 11 dicembre, la numero 147.

Aumenti pensioni 2020: calcolo rivalutazione

Il documento contiene le tabelle per la rivalutazione delle pensioni 2020.

La rivalutazione non riguarda solo le pensioni ma anche le prestazioni assistenziali.

Come noto la rivalutazione delle pensioni si calcola annualmente in base all’andamento dell’inflazione per garantire ai titolari che la pensione mantenga  potere di acquisto. Per il 2020 è stato confermato l’indice di rivalutazione dell’anno corrente, ossia l’1,1%. Ciò significa che non ci saranno conguagli.

Il tasso di rivalutazione del 2020 è stato stimato allo 0,4%. La tabella delle percentuali è la seguente:

del 100% per le pensioni pari o inferiori a tre volte l’importo dell’assegno minimo;

del 97% per i trattamenti pensionistici pari o inferiori a quattro volte il trattamento minimo INPS;

del 77% per i trattamenti pensionistici che superano di quattro volte il trattamento minimo INPS e pari o inferiori a cinque volte l’assegno minimo;

del 52% per le pensioni nel complesso risultano superiori a cinque volte il trattamento minimo INPS e pari o inferiori a sei volte il minimo;

del 47% per i trattamenti pensionistici compresi tra sei e otto volte il trattamento minimo INPS;

del 45% per le pensioni che superano di otto volte il trattamento minimo INPS ma restano pari o inferiori a nove volte questo importo;

del 40% per i trattamenti pensionistici maggiori a nove volte il trattamento minimo INPS.

L’applicazione delle suddette percentuali porta ad una rivalutazione della quota pensione pari a 513,01 euro per il 2020.

https://www.investireoggi.it/f

Argomento: 
Attualità e Politica