Periodico di informazione delle Forze Armate, Forze di Polizia e Pubblico Impiego

  

Circolari Inps-Inpdap

Il primo assaggio del nuovo sistema di indicizzazione delle Pensioni lo si è avuto ad aprile, mese di decorrenza delle novità introdotte dalla legge di Bilancio alla voce perequazione dei trattamenti previdenziali. Proprio con il rateo di aprile è partito il ricalcolo delle pensioni che l’Inps aveva provveduto ad adeguare al tasso di inflazione in misura provvisoria, cioè utilizzando il vecchio sistema, non essendo stato possibile recepire quanto previsto dalla manovra finanziaria approvata solo alla vigilia di Capodanno.

Novità per quanto riguarda l’assegno familiare e di maternità Inps 2019. A renderlo noto la circolare n. 51 dell’11 aprile 2019. Con tale circolare, l’Inps ha comunicato che sono state rivalutate la misura e i requisiti economici per l’assegno per il nucleo familiare e l’assegno di maternità dei Comuni.

L’estra琀o conto è disponibile sul sito internet www.inps.it, in esso sono esposti i dati relativi a stato di servizio, gli eventuali periodi riconosciuti con provvedimenti di riscatto, ricongiunzione o computo, gli eventuali altri periodi riconosciuti con contribuzione figurativa e le retribuzioni utili a fini pensionistici successive al 31 dicembre 1992, con esclusione di ogni riferimento ai periodi utili ai fini del tra琀amento di fine servizio.

Il 13 febbraio 2019 l’Inps ha emanato il seguente messaggio: “Proroga ed ampliamento del congedo obbligatorio per i padri lavoratori dipendenti e proroga del congedo facoltativo di cui all'articolo 4, comma 24, lettera a), della legge 28 giugno 2012, n. 92, per le nascite e le adozioni/affidamenti avvenuti nell'anno solare 2019” con cui ha dettato le istruzioni da seguire per poter usufruire del congedo papà obbligatorio, rimandando invece, per il congedo facoltativo, alle istruzioni contenute nella circolare inps n. 40/2013.

Più trasparenza in caso di assenza alle  visite fiscali. L'Inps fa chiarezza con un recente messaggio del 29 marzo scorso. Il datore di lavoro potrà consultare gli esiti delle visite mediche di controllo svolte su richiesta datoriale direttamente online.

È stato pubblicato sul sito INPS (Istituto Nazionale di Previdenza Sociale) il bando triennale Home Care Premium 2019.

I destinatari sono i dipendenti e pensionati pubblici INPS, i loro coniugi, parenti e affini di primo grado non autosufficienti.

L’Inps ha provveduto ad informare che a partire dal 1° aprile, il prospetto di liquidazione del trattamento di fine servizio (TFS) e del trattamento di fine rapporto (TFR) dei dipendenti pubblici sarà pubblicato nel “Fascicolo previdenziale del cittadino”.

L'INPS ha diramato la Circolare  n. 26/2019 che prevede istruzioni per il passaggio del calcolo della pensione del personale del comparto sicurezza e difesa  dal modello PA04 al modello "Passweb". L’Istituto ha avviato un programma di progressiva omogeneizzazione delle modalità operative e gestionali di liquidazione delle pensioni dei dipendenti pubblici, che al momento è rivolto al personale iscritto alla Cassa dei trattamenti pensionistici dello Stato (CTPS), per il quale è stato intrapreso il passaggio alla nuova procedura pensioni SIN2. Tale innovazione prevede il definitivo superamento dell’utilizzo del modello PA04 o di ogni altra analoga certificazione precedentemente utilizzata dai datori di lavoro in occasione del collocamento a riposo del dipendente.

È stato pubblicato il decreto-legge 28 gennaio 2019, n. 4, che disciplina l’accesso al trattamento di pensione cosiddetta “Quota 100”, alla pensione anticipata e cosiddetta “Opzione donna”.

Con la circolare INPS 29 gennaio 2019, n. 10 e la circolare INPS 29 gennaio 2019, n. 11, l’Istituto fornisce le istruzioni applicative in materia di accesso alla pensione anticipata, alla pensione “Quota 100”, alla pensione “Opzione donna”, alla pensione in favore dei lavoratori precoci, nonché in materia di assegni straordinari dei fondi di solidarietà e di prestazioni di accompagnamento alla pensione.

Dal 1° gennaio 2019 è scattato l’aumento di cinque mesi per l’adeguamento delle pensioni alle aspettative di vita.

Serviranno cinque mesi in più sia per le pensioni di vecchiaia sia per quelle anticipate.

Pagine