Periodico di informazione delle Forze Armate, Forze di Polizia e Pubblico Impiego

  

Archivio Mensile delle news

Con Circolare n.1, del 9 gennaio 2015, l’Inps ha comunicato gli importi degli aumenti di perequazione automatica per l’anno 2015: in particolare le pensioni sono state aumentate, in via provvisoria, nella misura dello 0,3%. 

L’INPS potrebbe subentrare alle Asl nella gestione dei controlli suidipendenti statali che si assentano dal lavoro per malattia. Si tratta di un’ipotesi che porterebbe anche a un risparmio di risorse, tanto che si parla di una spesa dimezzata rispetto a quella sostenuta attualmente dalleaziende sanitarie..

Dal primo gennaio è entrato in vigore il nuovo riccometro, cioè lo strumento che dovrebbe servire per misurare la ricchezza effettiva delle persone e dei nuclei famigliari (Isee, indicatore della situazione economica equivalente). Ora sarà più difficile dichiarare il falso, come pare facesse la maggior parte dei cittadini con il vecchio riccometro. Ma sarà anche più difficile riuscire a presentarlo, questo benedetto Isee.

Il Messaggio Inps n.158 del 9 gennaio 2015, nel recepire il Decreto del Ministero dell’Economia e delle finanze del 24 dicembre 2014, ha reso noti i valori dei tassi da applicare in caso di prestiti contro cessione del quinto dello stipendio e della pensione.
Nel Messaggio sono evidenziati i “tassi soglia convenzionali” per classi di età e per classe in importo del prestito.

Dopo trentatrè anni dalla “Riforma” madre del Comparto sicurezza, le esigenze del PaeseVimpongono una nuova campagna di riforme dell'apparato della sicurezza interna che va oltre la mera ottica di tagli o di accorpamenti nel breve periodo. La sedimentazione, laVstrutturazione e le sovrapposizioni, funzionali e territoriali, che in questo ultimi trent'anni hanno interessato i diversi Corpi di Polizia, devono necessariamente essere ricollocate inVun alveo maggiormente aderente alle esigenze di sicurezza sociale ed economica dei cittadini, senza gravare sulla qualità del lavoro degli operatori. 
I criteri che devono informare il processo di riordino sono quattro: la valorizzazione delle specificità delle funzioni da assegnare ai diversi attori del Comparto, il coordinamento funzionale, l'eliminazione delle sovrapposizioni e una modifica degli assetti soprattutto dei livelli gerarchici di coordinamento. 

Nuove restrizioni in arrivo per i fumatori: divieti anche nei parchi, negli stadi e nelle spiagge secondo quanto annunciato al Ministro della Salute.

A dieci anni dal’introduzione della legge promossa da Girolamo Sirchia, che imponeva il divieto di fumare nei luoghi chiusi, potrebbero arrivare nuove restrizioni promosse dal Ministero della Salute per contrastare maggiormente la diffusione di questo "vizio”, e soprattutto limitare il trend che vede giovanissimi dediti alle sigarette già a partire dagli undici anni.

Con l’entrata in vigore della Legge di Stabilità 2015 anche il famoso bonus irpef di 80 euro in busta paga, introdotto da Renzi lo scorso anno, è diventato strutturale dal 1° gennaio 2015, vediamo come si applica e a chi spetta.

La differenza sostanziale con il bonus irpef del 2014, introdotto in tutta fretta nel corso dello scorso anno a partire dal mese di maggio, è che mentre lo scorso anno l’Agenzia aveva definito la cifra come un bonus o credito per i lavoratori dipendenti aventi determinati requisiti, per il 2015 il bonus è stato reso strutturale e a partire dal 1° gennaio 2015 entrerà in busta paga sotto forma di detrazione, infatti non si tratterà più di una maggior spesa ma una minor entrata nel bilancio dello Stato.

(AdnKronos) - Le Commissioni Difesa riunite di Camera e Senato si incontreranno oggi, alle 15, i rappresentanti del Comitato centrale di rappresentanza (Cocer) Interforze per discutere degli ultimi sviluppi della vicenda riguardante i due fucilieri della Brigata Marina San Marco, Massimiliano Latorre e Salvatore Girone. L’incontro -riferisce una nota- avrà luogo presso l’aula della commissione Difesa della Camera. A seguire, alle ore 16.15, presso la sala stampa di Montecitorio, avrà luogo una conferenza stampa sullo stesso tema.

Lo Stato maggiore Difesa pubblica gli  elenchi delle unità immobiliari oggetto del primo turno della procedura di alienazione mediante “vendita con sistema d’asta”, le cui predisposizioni sono state avviate dalla Direzione dei Lavori e del Demanio del Segretariato Generale della Difesa e Direzione Nazionale
degli Armamenti. 
Il processo di riorganizzazione della Forza Armata  comporta, per gli Enti e i Distaccamenti coinvolti, significativi e sempre più complessi adempimenti amministrativi.
Le esperienze acquisite e l’evoluzione normativa hanno suggerito una revisione della disposizioni vigenti  e un ampliamento della casistica , che ora include anche i casi di:

Giunge ora notizia, che in Sede di Coordinamento fra Comandi di Forza Armata e Cellula Operativa Interforze, in coordinamento con lo staff tecnico giuridico del Ministro, tra i tanti argomenti inerenti ad  alcune modalità di interpretare ed applicare casi particolari di Istanze,   è stato deciso, tra l’altro, che sia soddisfatta , come richiedeva CASADIRITTO, la modalità  che si potrà ottenere la massima rateizzazione delle somme dovute sia per il periodo precedente al 1 gennaio 2014, per chi, avendo presentato l’Istanza,  dovrà avere un unico conguaglio complessivo, in caso di accoglimento, con il periodo post1 gennaio 2014 e che sia applicata la rateizzazione anche semplicemente per somme accumulate, indipendentemente dalle Istanze.

Comunicato stampa dei  delegati Bottacchiari e Ciavarelli - I"n qualità di membri del Comitato di Presidenza del Co.Ce.R. Interforze, si notizia che i delegati del Consiglio Centrale responsabilmente attenderanno la data del 12 gennaio p.v., giorno in cui la Magistratura indiana deciderà circa il rientro del collega Massimiliano Latorre. Contestualmente la prossima settimana il Consiglio sarà riunito in seduta permanente, pronto ad intraprendere ogni iniziativa al fine di una rapida soluzione della questione. A tal proposito si apprende con soddisfazione dalla Commissione Difesa della Camera la fissazione di una audizione formale per il prossimo 14 gennaio alle ore 15. Si rimane invece in fiduciosa attesa di un incontro con Presidente Renzi, e con i Ministri degli Esteri e della Difesa, come richiesto da oltre 6 mesi per essere aggiornati sui passi sin qui compiuti. In conclusione appare evidente che pur non volendo aprioristicamente criticare o disapprovare l’operato istituzionale, politico e diplomatico per le azioni sino ad oggi intraprese, vi è la ineludibile necessità di una più chiara ed incisiva azione del Governo affinchè il caso dei nostri due Marò sia finalmente, rapidamente e prontamente risolto".

Si parla in queste ore  di un probabile incontro che avverrà nei prossimi giorni tra il Presidente dell'Istituto Nazionale della Previdenza Sociale, Tito Boeri, e il ministro dell'Economia,Giancarlo Padoan. Un incontro piuttosto impegnativo in considerazione del fatto che i temi da discutere sono di una certa rilevanza, incentrati sulla riforma del sistema previdenziale italiano. Le novità in discussione si rendono necessarie anche alla luce del possibile referendum abrogativo indetto dalla Lega mirato alla cancellazione della Legge Fornero. Certamente questo incontro non sarà facile considerate le differenti visioni dei due tecnici: da una parte Boeri è convinto di riformare le pensioni quanto prima, dall'altra Padoan fortemente contrario alle modifiche sulla Legge Fornero.

Il Cocer Interforze, riunitosi il 7 gennaio scorso, ha chiesto un incontro urgente con il Presidente del Consiglio e i Ministri degli Esteri e Difesa per conoscere le azioni intraprese dal governo sulla vicenda dei fucilieri di Marina trattenuti in India. Chiesta anche l'audizione con le Commissioni Difesa.

La federazione lavoratori Pubblici della Difesa in un comunicato precisa che risulta infondato l' articolo  on line, successivo all’emanazione di una circolare del Ministero dell’Interno, che  ha generato l’allarme tra i colleghi interessati in ordine alla ipotizzata restituzione delle somme percepite nel 2014. Quella circolare - afferma l'FLP DIFESA - dice cose un pò diverse, e comunque non interessa il personale della Difesa. Fatte anche le dovute verifiche presso i competenti Uffici centrali della  Amministrazione Difesa, è da escludere, allo stato, ogni ipotesi di restituzione dell’assegno ad personam 2014.

Pagine