Periodico di informazione delle Forze Armate, Forze di Polizia e Pubblico Impiego

  
www.prestiamo.it/militari/

 

E' stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 10 maggio 2018 il decreto p.c.m. n. 107 con il quale sono state ripartite le risorse di cui all'articolo 1, comma 680, della legge 27 dicembre 2017, n. 205 (Legge di Bilancio 2018). Dal 2018 (in pagamento nel 2019) ci saranno più risorse (+7,5% nel 2018, + 15% nel 2019, + 22,6% dal 2020, su base 2017) per la retribuzione di efficienza del personale non direttivo (F.E.S.I.) e partirà il fondo di negoziazione del personale dirigente

Il cedolino della rata ordinaria di maggio 2018, per tutti i dipendenti che fanno parte dei comparti Sicurezza e Difesa, Funzioni Centrali, Funzioni Locali e Ricerca e Istruzione sarà disponibile nella giornata di giovedì 17 maggio.
Si precisa che gli arretrati relativi al triennio 2016-2018, derivanti dai provvedimenti di concertazione e degli accordi sindacali per il comparto Difesa e Sicurezza e dal nuovo contratto C.C.N.L. per il comparto Istruzione e Ricerca,  saranno comunicati con un cedolino separato rispetto a quello ordinario della rata di maggio.

L’accordo di collaborazione in attività finalizzate al supporto umanitario in campo sanitario a favore di persone in condizioni di svantaggio socio-economico riguarda la fornitura di farmaci alle popolazioni che vivono in condizione di povertà nelle aree di crisi dove le Forze Armate italiane operano. Il Protocollo d’Intesa scaturisce dall’azione congiunta tra il Comando Operativo di Vertice Interforze, l’Ordinariato Militare, e la Fondazione Banco Farmaceutico Onlus.

Semplificazione e riduzione dei tempi di attesa per l'indennità di accompagnamento a invalidi e anziani non autosufficienti . Dal 9 maggio nuova procedura per i patronati

 

Riportiamo la nota  di precisazione del Centro Informatico Amministrativo Nazionale della Guardia di Finanza

 

La Sezione di Taranto di Assodipro, rappresentata dal suo Presidente pro tempore Sig. LONGO Sergio, ha promosso diverse iniziative legali a tutela dei diritti dei propri iscritti nonché di tutti coloro che hanno sofferto e soffrono ancora oggi per i danni provocati dall’esposizione all’amianto.

Più in particolare la Sezione di Taranto ha conferito incarico ai propri legali di fiducia di promuovere azioni dirette al riconoscimento della perequazione dell’assegno vitalizio delle vittime del dovere a quello già riconosciuto alle vittime del terrorismo; adeguamento che comporta un incremento dell’assegno vitalizio per le vittime del dovere di euro 241,77 mensili, oltre agli arretrati dalla data di maturazione del diritto e consequenziali interessi e rivalutazione.

L'articolo 4, comma 24, lettera b), legge 28 giugno 2012, n. 92, ha introdotto  la possibilità per la madre lavoratrice di richiedere, al termine del congedo di maternità ed entro gli 11 mesi successivi, in alternativa al congedo parentale, voucher per l'acquisto di servizi di baby sitting oppure un contributo per fare fronte agli oneri della rete pubblica dei servizi per l'infanzia o dei servizi privati accreditati, per un massimo di sei mesi. Successivamente tale beneficio è stato prorogato anche per l'anno 2016 ed esteso alle lavoratrici autonome dall'articolo 1, commi 282-283, legge 28 dicembre 2015, n. 208 (legge di stabilità).

Niente maggiorazione del servizio di volo per i militari che cessino dal servizio senza aver conseguito il diritto alla pensione. Lo ha stabilito la Corte Costituzionale con una recente senteza in cui i giudici hanno bocciato la questione di legittimità costituzionale sollevata dalla Sezione regionale della Corte di Conti della Lombardia dell'articolo 124 del DPR 1092/1973 (testo unico delle norme sul trattamento di quiescenza dei dipendenti civili e militari dello Stato).

 Quanti sono gli immobili militari a Cagliari? Il ministero della Difesa paga l’Imu sulle strutture che non usa più (o che vengono utilizzate solo come alloggi), come previsto dalla legge? Sono queste le domande poste dal senatore uscente Roberto Cotti al Servizio tributi e patrimonio del Comune di Cagliari per capire se – e con quali ricadute sulle risorse economiche a disposizione dell’amministrazione – il ministero della Difesa versi regolarmente nelle casse comunali l’imposta municipale relativa alle strutture dismesse come prevede una legge del 2011. Risposta? “Non abbiamo la minima idea”.

 

Con l’inizio dell’invio on line del mod. CUD, sia da parte dell’INPS, per i pensionati che da parte di altri sostituti d’imposta, per i dipendenti in servizio, iniziano le scadenze, per gli utenti senza titolo,  al fine di poter  adempiere, come tutti gli anni, alla compilazione ed al successivo invio ai rispettivi Comandi,  della Dichiarazione Sostitutiva di Atto Notorio relativa all’anno d’imposta 2017. Non è raro il comportamento di alcuni Comandi che ignorano la norma fiscale e non hanno mai comunicato agli utenti senza titolo l’obbligo di registrazione del Mod. 2. ....

Entro la fine del mese di maggio 2018, saranno corrisposti  gli arretrati derivanti dai provvedimenti di concertazione e degli accordi sindacali del comparto Difesa e Sicurezza per il periodo da gennaio 2016 a maggio 2018.
 
L'importo degli arretrati elaborati sarà comunicato con un cedolino separato rispetto a quello ordinario delle competenze di maggio.

Il nuovo capo di Stato Maggiore: strutture più snelle del 30 per cento. Dobbiamo sempre far tesoro delle lezioni apprese e delle esperienze

 

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale n. 100 del 02 maggio 2018  si è concluso l'iter procedurale dei contratti del personale delle Forze di Polizia  e delle Forze Armate.

 NoiPA dovrebbe provedere a corrispondere le spettanze arretrate 2016 e 2017 e primi cinque mesi del 2018 entro il mese di maggio 2018.

La Corte dei Conti ha finalmente registrato il DPR che recepisce il Contratto di lavoro deglli appartenenti alle Forze Armate e Forze di Polizia.Una "registrazione" avvenuta con grande  ritardo, ai fini del  pagamento degli arretrati e degli adeguamenti stipendiali.

Nel giro di una settimana, salvo ulteriori rinvii, il DPR dovrebbe essere pubblicato in Gazzetta Ufficiale. A quel punto NOIPA avrà il compito, attraverso un'emissione speciale, di corrispondere al più presto le spettanze al personale, anche perché già in possesso di tutti i dati necessari.

Ventisette mesi per ricevere la prima rata. E altri due anni per avere il saldo. Chi lavora per lo Stato e decide di utilizzare la liquidazione per togliersi un sfizio, per aiutare i figli, per fare un regalo ai nipoti o semplicemente, come sempre più spesso accade, per sopravvivere, ha  una brutta sorpresa. Le misure introdotte a partire dal 2012 per fronteggiare l’emergenza dei conti pubblici, che hanno dilazionato a dismisura il pagamento dei trattamenti di fine servizio, sono, infatti, ancora lì.

Pagine