Periodico di informazione delle Forze Armate, Forze di Polizia e Pubblico Impiego

  

L’INPS, con una recente circolare, aggiorna i requisiti minimi di riferimento richiesti per l’accesso alle varie forme di pensionamento attualmente in vigore. L’Istituto specifica che rimane valido l’adeguamento alla speranza di vita già applicato dal 1° gennaio 2019. E’ infatti previsto unicamente l’incremento di 5 mesi e di 0,4 unità dei valori di somma di età anagrafica e di anzianità contributiva, a decorrere dal 1° gennaio 2021, in attuazione di quanto previsto dal decreto 5 novembre 2019.

Una importante iniziativa siè svolta presso la  Tatarella della Camera dei Deputati il 4 febbraio 2020 sul tema  “La Divisa Ferita”- quale prevenzione e sostegno per gli operatori delle Forze Armate e di Polizia?”. In allegato il comunicato della associazione l'Altra Metà della Divisa che sempre più si sta affermando come realtà presente nel territorio e punto di riferimento per molte famiglie e per il personale del Comparto Difesa e che può vantare importanti accordi con molte delle nascenti sigle sindacali.

 

Sul   Supplemento  Ordinario n. 8 della Gazzetta ufficiale  n. 29 del 5 febbraio 2020 sono stati pubblicati:

DECRETO LEGISLATIVO 27 dicembre 2019, n. 172 - Disposizioni integrative e correttive, a norma dell'articolo 1, commi 2 e 3, della legge 1° dicembre 2018, n. 132, al decreto legislativo 29 maggio 2017, n. 95, recante: «Disposizioni in materia di revisione dei ruoli delle Forze di polizia, ai sensi dell'articolo 8, comma 1, lettera a), della legge 7 agosto 2015, n. 124, in materia di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche».

 

DECRETO LEGISLATIVO 27 dicembre 2019, n. 173 - Disposizioni in materia di riordino dei ruoli e delle carriere del personale delle Forze armate, ai sensi dell'articolo 1, commi 2, lettera a), 3, 4 e 5, della legge 1° dicembre 2018, n. 132.

Prosegue in Commissione Difesa della Camera, l'esame della proposta di legge relativa a "Norme sull'esercizio della libertà sindacale del personale delle Forze armate e dei corpi di polizia ad ordinamento militare, nonché delega al Governo per il coordinamento normativo" frutto dell'abbinamento di diverse PDL. Un iter complesso che a due anni circa dalla sentenza della Corte Costituzionale che ha sancito il diritto per i militari di costituire propri sindacati, non riesce a licenziare un testo adeguato alle istanze deilavoratori militari. Riportiamo il resoconto della commissione del 5 febbraio ed il testo del disegno di legge

In una interrogazione parlamentare la deputata Ermellino (M5S) chiede al Ministro della Difesa chiarimenti in relazione al fatto che Lo Stato Maggiore Aeronautica,  rispondendo a una precisa richiesta formulata dal sindacato dell'Aeronautica militare (Siam) del 9 dicembre 2019, il quale intendeva svolgere un incontro con il personale di Poggio Renatico (FE), al di fuori dell'orario di servizio, presso i locali di uso comune per attività informativa, abbia negato tale possibilità adducendo come motivazione l'esistenza di un «approfondimento interforze in ordine alla Circolare integrativa emanata dal Gabinetto del Ministro in data 22 agosto u.s., al fine di rendere univoche, tra le altre, le modalità di effettuazione dell'attività di propaganda dei sodalizi assentiti".

 

Le Organizzazioni Sindacali Militari, per la prima volta unite in un unico comunicato, considerano  inaccettabile il testo in discussione presso la Commissione difesa della Camera, in materia di Sindacati Militari. "Ci aspettiamo che nella imminente fase emendativa siano adottati tutti i correttivi alle limitazioni ed ai vincoli irragionevoli presenti nel testo in discussione, che non trovano  analoghi precedenti e rischiano di produrre una pessima legge. I membri della Commissione Difesa sono stati ripetutamente messi al corrente nel dettaglio di tutti  gli elementi utili a varare una legge rispettosa dei diritti costituzionali dei lavoratori militari.

Ulteriori segnali di disattenzione contrari ad una normativa ragionevole e bilanciata che garantisca  ai sindacati militari di perseguire con efficacia la difesa dei diritti e degli interessi dei propri  associati, non faranno altro che compattare lo scenario sindacale esistente e innescare le legittime  iniziative di contrasto ad una politica che troppo spesso, si proclama vicina ai militari solo a parole!

ASSODIPROMIL, LRM, NSC, SAF, SIAM,SILCA, SILF, SIAMO Esercito, SILMA, SILME, SIM AM, SIM GDF, SINAFI, SIULM, USIF,USMIA

Circolare di Persomil con le istruzioni per la partecipazione ai Campi giovani in favore dei figli del personale militare e civile appartenente ai Ministeri della Difesa di tutti i dodici Paesi associati attraverso un programma di attività sportive, culturali e ludiche per i giovani.

Il 17 gennaio 2020, preceduto da un articolo già apparso nella tarda serata del 16 sul CORRIERE DELLA SERA.IT, poi pubblicata in cartaceo, sono successivamente apparsi una ventina di quotidiani che, pressochè all’unisono, con una ripetività nella forma e nei contenuti sconcertante , hanno scatenato l’inferno mediatico parlando di  oltre 3.000 le case occupate abusivamente da ex militari, figli e mogli. Si Siamo di fronte ad una campagna voluta e orchestrata ad arte....Casadiritto replica con dati e fatti 

Riepilogo e precisazioni sulle norme per le visite mediche di controllo degli appartenenti alle FF.AA. e FF.PP.

È indetto un concorso per titoli per l’assegnazione di n. 1250 borse di studio per l’anno scolastico 2018 - 2019 ripartite nelle seguenti classi. Le domande dovranno essere compilate esclusivamente in formato PDF editabile, entro il 30 aprile 2020.

Sei lavoratori in divisa si sono tolti la vita nelle prime 3 settimane del 2020. Qualcosa si sta facendo, ma ancora non basta. Perché il primo obiettivo deve essere migliorare le condizioni di un lavoro stressante per definizione

Con Decreto del Ministro dell’economia e delle finanze datato 13 febbraio 2019 numero 16189, registrato presso la Corte dei Conti in data 22 febbraio 2019 al numero 117, sono state destinate risorse al Fondo di assistenza per i finanzieri per interventi a favore del personale del Corpo per l’anno 2018. Con  delibera  del 20 settembre 2019, il Consiglio di
amministrazione del Fondo ha disposto l’impiego delle risorse  nell’ambito di iniziative assistenziali.

Ultime novità sul taglio cuneo fiscale 2020. Procede la costruzione dell’impianto che andrà a ridurre le tasse a carico dei lavoratori e lavoratrici italiane: partirà infatti a luglio la stagione della riduzione del cuneo fiscale a carico delle famiglie, misura importante che porterà nuova  più soldi nelle tasche di cittadini e cittadine. 

Dagli ultimi sviluppi si parla infatti di un taglio, comprensivo di Bonus Renzi fino a 100 euro, in base al reddito percepito.

Riproponiamo  il decreto del ministero dell’Economia  e la circolare Inps  con i quali è stabilito il tasso effettivo di rivalutazione delle pensioni 2020, che risulta pari allo 0.40%: la rivalutazione delle pensioni nel 2020 avverrà dunque sulla base di questo tasso. Ogni anno, difatti, attraverso il meccanismo di perequazione avviene l’adeguamento degli assegni Inps all’inflazione: in pratica, secondo quanto disposto, tutte le prestazioni economiche riconosciute dall’Inps aumenteranno sino a un massimo dello 0,4%, in base all’importo dell’assegno.

Estensione agli eredi. Nuovo limite per i figli a carico. E, ancora, cambiamenti su impatriati, sport bonus, lezioni private e spese per istruzione. Il nuovo modello 730 è stato approvato dall’agenzia delle Entrate nella sua versione definitiva, con le relative istruzioni. Cristallizzando nelle sue pagine un pacchetto di novità che arriva da diversi provvedimenti approvati nei mesi scorsi. Contribuenti e professionisti possono, così, inziare a studiare in vista dei prossimi mesi.
A presentare la dichiarazione dei redditi con il 730 saranno lavoratori dipendenti e pensionati (in possesso di determinati redditi). E bisogna anche ricordare che, a partire dal 15 aprile, l’agenzia delle Entrate metterà a disposizione di lavoratori dipendenti e pensionati il modello 730 precompilato. Ovviamente, i contribuenti non sono obbligati a usare la precompilata e potranno procedere con il 730 ordinario.

Pagine