Periodico di informazione delle Forze Armate, Forze di Polizia e Pubblico Impiego

  

 

Addio buonuscita da 50 mila euro e addio a una pensione aggiuntiva di 15 mila euro l'anno. A questo tesoretto dovranno rinunciare a malincuore il prossimo anno 30 generali di divisione e di brigata che fino a oggi avrebbero potuto beneficiare di questa magnifica promozione il giorno prima di andare in pensione. Tra i 500 milioni di risparmi previsti nel ministero della Difesa dalla legge di Stabilità, ci sono infatti anche i 975 mila euro che sarebbero finiti ai generali nel 2015.....
«Il libro bianco dovrebbe uscire a dicembre, ed è importante perché abbiamo iniziato a chiederci quali sono i bisogni di difesa e alla fine di questo percorso daremo delle risposte», ha detto il ministro della Difesa Pinotti a Firenze. «Vogliamo il più possibile che questo lavoro sia aperto - ha detto - L’opinione pubblica deve essere coinvolta, deve capire le scelte e aiutarci a determinarle».
Iniziano a intravvedersi le conseguenze delle sentenze della Corte di Strasburgo che hanno condannato la Francia per il divieto di costituire sindacati tra militari. Pubblichiamo un interessante documento proveniente dal Consiglio della Funzione Militare (una sorta di COCER francese), nel quale viene riassunta la posizione degli uffici del Ministero della Difesa in merito a tali sentenze. L’amministrazione militare conferma che per effetto delle due pronunce, presto in Francia si dovrà porre mano alla legislazione nazionale in materia e che a tale scopo il Presidente Hollande disporrà uno apposito studio.
"L’esercito comprava i missili Milan da sparare nelle basi sarde e poi i vertici militari diventavano presidenti della fabbrica d’armi che li produceva. Questo è accaduto nelle basi militari della Sardegna. Migliaia di missili al Torio e affari miliardari che ruotavano negli armamenti della difesa.Lo afferma il deputato sardo Mauro Pili anticipando i contenuti dell'interrogazione parlamentare presentata alla Camera dei deputati.
Concessione contributi volti a sostenere economicamente il personale militare in servizio che consegua titoli di studio utili all’accrescimento del proprio livello culturale e della preparazione professionale.
"No alla controriforma della pubblica sicurezza". E' quanto affermano in una nota congiunta i sindacati di polizia Siulp, Siap, Silp- Cgil, Ugl, Coisp, Consap, Uil Polizia-Anip sottolineando che con la legge di stabilit… "vengono cancellate le griglie orarie per i servizi dei poliziotti".
La nuova campagna promossa dalla Cgil centrata sul contrasto alla corruzione e all’evasione, sul sistema degli appalti, sulla lotta alla criminalità organizzata, segna un nuovo importante passaggio. Lunedì 27 ottobre, infatti, partirà da Milano il 'Viaggio della legalità', così come anticipato l'11 settembre in occasione del lancio della campagna. Prima tappa di un viaggio che percorrerà l'intero paese, toccando luoghi diversi e significativi, per raccogliere ricordi e storie, fatti ed esperienze per testimoniare il rapporto vitale ed indissolubile tra legalità e lavoro.
Le norme contenute all’art. 21, commi dal 17 al 21, della legge di stabilità rappresentano una gravissima lesione del diritto alla rappresentanza dei militari e una vera e propria offesa alla Commissione Difesa di Montecitorio, nella quale da settimane è in esame la riforma della rappresentanza militare. In nome di un fantomatico risparmio si prevede il dimezzamento sia dei delegati che delle spese di esercizio del mandato. Un risparmio esiguo equivalente a circa un ventesimo del costo di un caccia F35. Una torsione antidemocratica, inquietante, in un settore nel quale i diritti sindacali, a differenza che nella maggior parte dei Paesi europei, sono fermi all’anno zero. Lo denunciano i componenti di Sel in Commissione Difesa on. Donatella Duranti e on. Michele Piras.
L'Associazione unificata delle Guardia Civil (AUGC) ha chiesto al Ministero dell’ occupazione, di registrarsi come sindacato dopo che la Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU), ha stabilito che il divieto dei sindacati dell'esercito francese era contrario alla Convenzione europea dei diritti dell'uomo.Juan Antonio Delgado, portavoce AUGC ha chiesto al governo di "accettare e rispettare" con urgenza questa sentenza, che, come detto, è assolutamente da applicare nell'ambito dell'Unione europea, e di riconoscere i diritti alle Guardie civil.
Una guida per sostenere le Forze dell'ordine che vengono a contatto con minori. Presentato a Roma, nella sede dell'Autorità garante per l'infanzia e l'adolescenza, un vademecum con le linee guida per gli uomini di Polizia, Carabinieri e Guardia di Finanza che, nel loro lavoro quotidiano, si confrontano con giovani di età inferiore ai 18 anni.
Fino a notte inoltrata i tecnici di Palazzo Chigi e quelli del Tesoro erano ancora l lavoro sulla limatura del provvedimento. Molti dei ministri coinvolti nella sforbiciata hanno tentato di avere le tabelle allegate alla legge di stabilità nelle quali saranno indicati i tagli di spesa che dovranno subire. Una ricerca che fino alla tarda sera di ieri, per molti si è rivelata vana....
Con l’entrata in vigore della legge di stabilità, a decidere gli orari di lavoro dei poliziotti non sarà più la concertazione – a livello territoriale –tra questori e organizzazioni sindacali, ma a questi ultimi verrà data solo un’“informazione”.
"Come CGIL riteniamo urgente e necessario realizzare la riforma della rappresentanza militare consentendo ai militari la piena libertà di associazione sindacale..." lo ha ribadito Gianna Fracassi, segretaria Confederale della CGIL in occasione del Presidum dell'Euromil che si svolge a Roma oggi e domani. Alla presenza dei rappresentanti dei sindacati militari europei, la Fracassi ha ribadito come dal governo giungano segnali regressivi su questo terreno. "Il paradosso di un governo - ha detto - che invece agita il cambiamento e l'innovazione, almeno a parole, quale l'elemento di novità e di rottura rispetto al passato....Qualche giorno fa la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo con una sentenza importante ha stabilito il principio secondo il quale le restrizioni legislative al diritto di aderire o formare associazioni a carattere sindacale per i militari, devono limitarsi solo alla regolamentazione “dell’esercizio” del diritto in questione, e non devono mettere in pericolo l’essenza stessa del diritto di organizzarsi. "Spero che questa sentenza - ha aggiunto l'esponente della CGIL - segni un elemento di cambiamento della discussione anche rispetto al dibattito parlamentare sulla riforma rappresentanza..." e ha ribadito campi sui quali come Cgil è urgente e necessario agire: - Promuovere una maggiore trasparenza nelle informazioni relative alle scelte e alla attività delle forze armate. - Avviare un processo di riforma dello strumento militare operando sulla via della razionalizzazione della sua organizzazione, delle competenze, della integrazione e una razionalizzazione della spesa in armamenti ( Esempi di fenomeni di corruzione, di tangenti ecc.) - Garantire un processo di democratizzazione delle Forze Armate. La limitazione delle libertà hanno generato e generano tutt'ora, guasti morali, economici e democratici.
Racconta oggi al Corriere: "Quando ho discusso col ministero della Difesa dell’opportunità che alcuni ufficiali superiori rinunciassero all’auto di servizio, ho scoperto che esiste un regolamento dell’Esercito e della Marina, ma non dell’Aviazione, che impedisce ai militari in divisa di andare in giro con l’ombrello. Non potendosi bagnare, devono prendere l’auto"...
Una norma contenuta nella bozza della legge di stabilità prevede che l'Inps metterà in pagamento le pensioni il 10 di ciascun mese. La nuova scadenza deriva dalla volontà di uniformare i pagamenti effettuati dall’istituto, che avendo assorbito l’Inpdap ora eroga le pensioni anche agli ex dipendenti pubblici. Per questi ultimi la data del pagamento era già fissata al dieci, che ora quindi diventa quella da applicare a tutti. Con il provvedimento inoltre il governo provvede alla cancellazione delle prestazioni accessorie erogate dall'Inps per le cure termali.

Pagine