Periodico di informazione delle Forze Armate, Forze di Polizia e Pubblico Impiego

  

Banca Dati Leggi

l Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Giuliano Poletti, ha firmato il decreto che, in attuazione della legge "Dopo di noi" (legge n° 112 del 22 giugno 2016), individua i requisiti per l'accesso alle misure di assistenza, cura e protezione a carico del Fondo per l'assistenza alle persone con disabilità grave prive del sostegno familiare, nonché la ripartizione alle Regioni delle risorse per l'anno 2016.

Il DECRETO-LEGGE 22 ottobre 2016, n. 193 - ""Disposizioni urgenti in materia fiscale e per il finanziamento di esigenze indifferibili"" approvato dal Consiglio dei Ministri contiene all'art. 9 anche il finanziamento di euro 17.388.000 per la partecipazione di personale militare alla missione di supporto sanitario in Libia denominata "Operazione Ippocrate" e alla missione delle Nazioni Unite denominata United Nations Support Mission in Libya (UNSMIL).

Decreto Ministeriale sul Fondo Efficienza per i Servizi Istituzionali – Anno 2015. Articolo 5 del decreto del Presidente della Repubblica 11 settembre 2007, n. 171, e successive modificazioni ed integrazioni.

Via libera a quasi 3 mila assunzioni tra le forze dell'ordine. I ministri della Pa Marianna Madia e dell’Economia Pier Carlo Padoan hanno infatti firmato il decreto che autorizza l'assunzione di 1.137 unità tra i carabinieri, 861 nella Polizia di Stato, 552 nella Guardia di Finanza e 145 nei Vigili del Fuoco, per i quali c'è anche l'ok a nuovi bandi per ulteriori 262 posti. 

Confermate anche per il 2016 le nuove misure relative ai congedi parentali e alla loro fruizione ad ore. La riforma dei congedi parentali e quindi anche la possibilità di fare uso dei congedi ad ore, è stata infatti finalmente resa stabile dal Governo. Il D.lgs 148/2015, in vigore dal 24 settembre 2015, conferma  le nuove regole sui congedi parentali, rendendo in sostanza permanenti i nuovi congedi parentali come riformati di recente dal D.lgs 80/2015, che inizialmente li aveva limitati sperimentalmente al solo anno 2015.

 Per Militari, Carabinieri, Polizia, Forze dell’Ordine in genere, lavoratori dei Ministeri e della Scuola il decreto legislativo del 22 giugno 2015 che è diventato esecutivo dal 6 luglio del 2015, con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, specifica i requisiti per la pensione per tutti quelli che prevedono di andarci a partire da gennaio 2016.

E' stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 144 del 24 giugno 2015 il Decreto Legislativo n. 80 del 15 giugno 2015, che prevede “Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro, in attuazione dell'articolo 1, commi 8 e 9, della legge 10 dicembre 2014, n. 183” , che mira a tutelare la maternità delle lavoratrici.

L'articolo 2 del decreto in esame apporta modifiche al decreto legislativo 26 marzo 2001, n. 151, ampliando la protezione in caso di maternità; mentre l'art. successivo si occupa delle variazioni della stessa norma in materia di prolungamento del diritto alla corresponsione del trattamento economico.

La legge anticorruzione 2015 è uscita in Gazzetta ufficiale venerdì 30 maggio e sarà in vigore a tutti gli effetti il prossimo 14 giugno. Si aggiorna così la normativa di contrasto ai fenomeni corruttivi, specie nella pubblica amministrazione e in riferimento al sistema degli appalti pubblici.

Il comunicato della Presidenza del Consiglio dei Ministri-Dipartimento per le Politiche della Famiglia, riguardante la rivalutazione, per l’anno 2015, della misura e dei requisiti economici dell’assegno per il nucleo familiare numeroso e dell’assegno di maternità.

È un’anagrafe generale delle prestazioni sociali, utile anche ai fini ISEE, contiene i dati forniti da tutti i Comuni ed enti erogatori, è gestita dall’INPS ed entrerà in vigore dal prossimo 25 marzo 2015: è il Casellario Assitenza, regolamentato dal Decreto Interministeriale 206 del 16 dicembre 2014 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 10 marzo 2015. Il Casellario Assistenza contiene la banca dati delle prestazioni sociali agevolate, delle prestazione sociali, delle valutazioni multidimensionali per i casi in cui ci sia anche una presa in carico da parte del servizio sociale professionale.

Le informazioni sono a disposizine del SISS, il Sistema Informativo Socio Santario, senza riferimenti che permettano l’identificazione degli interessati, e possono accedervi il ministero del Lavoro, Regioni, Province Autonome e Comuni, altri enti pubblici che erogano prestazioni sociali e socio-sanitarie, e vengono utilizzate permonitoraggio statistico,programmazionevalutazione di efficienza. Infine, l'INPS  fornisce al Ministero dell’Economia rappresentazioni dei dati in forma aggregata utili per monitoraggio della spesa ed elaborazione statistiche. I dati sono sempre trattati nel pieno rispetto delle norme sulla privacy e sulla sicurezza.

Pagine