Periodico di informazione delle Forze Armate, Forze di Polizia e Pubblico Impiego

  

Ancora una sentenza che decreta l'illegittimità del blocco dei contratti dei dipendenti della Pubblica Amministrazione derivante dalla sospensione della trattativa per ilrinnovo con data di decorrenza a partire dal 30 luglio dello scorso anno.

Con una recente delibera  il CoCeR Guardia di Finanza ha chiesto al Comandante Generale di modificare la Circolare 200000 con riferimento al divieto di iscrizione agli Albi professionali.

Stabilizzato il bonus “80 euro” (500 milioni di euro), rifinanziato il riordino delle carriere (390 milioni di euro), rifinanziato il contratto (150 milioni di euro + i 74 già previsti) e fondi straordinari per le assunzioni. Questo prevederebbe (aspettiamo il testo ufficiale) il DDL Stabilità 2017 per il comparto sicurezza.

Evviva!? … No! c’è poco da esultare, almeno sotto il profilo della funzionalità e della produttività in generale e sotto il profilo del ruolo Ispettori in particolare.

Si porta a conoscenza  che a seguito di puntuale quesito posto dalla AFeVA Sardegna Onlus, in tema di corretta applicazione del comma 7 dell'art. 13 della Legge 257/1992, la DC Pensioni dell'INPS con la nota n. 470942 del 19/10/2016, conferma che ai lavoratori ai quali l'INAIL ha certificato una patologia asbesto-correlata con periodi di esposizione ad amianto oltre il 2 ottobre 2003, è riconosciuto il beneficio della maggiorazione dell'1,5di tutto il periodo di esposizione certificatocompresi i periodi successivi al 2/10/2003, sia ai fini del diritto che della misura della pensione.

I militari che svolgono il loro servizio sovente si trovano esposti a rischi consistenti. Si tratta di circostanze che possono anche oltrepassare i confini di quel "rischio ordinario" tipico delle loro specifiche funzioni ed attività professionali. Che cosa succede se il militare riporta un infortunio serio, ad esempio, mentre si trova in missione?

Parere del Consiglio di Stato reso dalla Commissione speciale, sullo schema di decreto sulla responsabilità disciplinare dei pubblici dipendenti di cui al D.lgs. 20 giugno 2016, n. 116, in attuazione dell’art. 17, l. 7 agosto 2015, n. 124 

E' durato circa un'ora il Consiglio dei Ministri che ha presentato la Legge di Stabilità per il 2017. Le nuove misure economiche dovranno essere vagliate da Bruxelles per l'approvazione dell'Unione europea. Ma sui contratti della Pubblica Amministrazione, i sindacati sono subito scesi sul piede di guerra. "Poche le risorse. Basta prendere in giro i lavoratori pubblici. Nella Legge di Stabilità le risorse per i rinnovi sono del tutto insufficienti. Daremo battaglia per un contratto vero e innovativo". Questo è stato il commento a caldo di Serena Sorrentino, Giovanni Faverin, Giovanni Torluccio e Nicola Turco - segretari generali di Fp-Cgil, Cisl-Fp, Uil-Fpl e Uil-Pa - dopo che il Consiglio dei Ministri ha reso note le cifre della Legge di Stabilità per il rinnovo dei contratti del pubblico impiego.

Il Consiglio dei Ministri ha approvato il disegno di legge di bilancio dello Stato per l’anno finanziario 2017 e per il triennio 2017-2019. La manovra vale 27 miliardi. 1,9 i miliardi impegnati per il rinnovo dei contratti nella pubblica amministrazione, per le retribuzioni di forze armate, dei corpi di polizia e per nuove assunzioni. Ecco il testo del comunicato stampa ufficiale.

Da molto, troppo tempo stiamo chiedendo al Governo l’apertura del confronto per il contratto collettivo del comparto sicurezza e soccorso pubblico. Da molto, troppo tempo, stiamo sollecitando il ministro Madia e i ministri competenti a mettere in chiaro le risorse disponibili e la loro destinazione per risarcire la perdita del potere d’acquisto del personale militare, dei corpi di polizia e del Corpo dei Vigili del fuoco,  dare risposta economica alla loro crescita professionale,  aggiornare gli istituti regolati da norme e contratti, e procedere al tanto atteso riordino.

Determinazione, per l’anno 2016, dei contingenti massimi del personale militare, compresa l’Arma dei Carabinieri, destinatario delle indennità previste dalla legge 23 marzo 1983, n.78.

Decreto Interministeriale per laConcessione dei distinti d’onore per mutilati, deceduti e feriti in servizio di cui agli articoli 862, 863 e 864 del decreto del Presidente della Repubblica 15 marzo 2010, n.90. In allegato.

La direzione generale per le risorse umane degli Interni ha fornito alcuni chiarimenti in materia di congedi parentali e dei riposi giornalieri al padre quando la madre è casalinga.

Il 12 ottobre  si è tenuto un nuovo confronto con l’Amministrazione degli Interni sul provvedimento di  delega per il riordino delle carriere. Nel corso della riunione, è stata illustrata una nuova ipotesi basata non più sul limite di 119 milioni di euro già stanziati e disponibili ma su una disponibilità complessiva di oltre 500 milioni di euro a regime, quindi con un incremento di circa 390 milioni di euro, in linea con le richieste delle sottoscritte OO.SS., alle quali la parte pubblica ha garantito che detto incremento non andrà ad incidere sui circa 440 milioni annui attualmente utilizzati per il bonus specificità di 80 euro mensili netti.

A partire dal 2022 le Casse di previdenza delle forze armate andranno in default.

Come evitare tale ipotesi?

Il Consiglio di Amministrazione delle Casse, su richiesta del Cocer, illustra il problema e coinvolge il Consiglio.

Pubblichiamo, di seguito, un video a cura dei delegati del Cocer Alfio Messina e Antonsergio Belfiori con il resoconto dell'incontro  tra il Consiglio di Amministrazione delle Casse ed il Cocer nonchè alcune slide mostrate nel corso della riunione.

Il Consiglio Centrale di Rappresentanza  ha incontrato il Capo di Stato Maggiore ed il Capo del VI Reparto i quali hanno illustrato il punto di situazione del confronto fra le Amministrazioni in ordine all’attuazione della delega inerente al riordino delle carriere. Al riguardo, sono stati forniti i prospetti  che delineano l’ipotesi di accordo si qui raggiunta tra le Amministrazioni con riferimento al trattamento economico del personale non dirigente. 

Pagine